Sei in: Home » Articoli

Responsabilità medica: il sanitario deve usare un linguaggio comprensibile al paziente

I tecnicismi e le illustrazioni atemporali non sono idonei a soddisfare l'obbligo di informazione gravante sul medico

di Valeria Zeppilli – L'obbligo informativo del quale è gravato il medico nello svolgimento della propria attività professionale deve essere adempiuto con un linguaggio adeguato alle conoscenze e allo stato soggettivo del paziente destinatario dell'informazione, ovverosia senza far ricorso a tecnicismi o utilizzare un linguaggio criptico.

Con la sentenza numero 6688/2018 qui sotto allegata, la Corte di cassazione ha infatti ritenuto incompleta, e quindi lesiva del diritto del paziente al pari di un'informazione assente, l'informazione che non illustra le caratteristiche di gravità o di rischio di gravità di quanto riscontrato da un esame diagnostico al quale si è sottoposto l'assistito e che non segnala la presenza di un'eventuale urgenza in modo specifico e ben percepibile dall'interlocutore.

Il medico deve tradurre la diagnosi

Partendo dal presupposto che l'obbligo informativo del medico sussiste pienamente sin dagli esiti degli accertamenti diagnostici, i giudici hanno insomma chiarito che esso va adempiuto traducendo la diagnosi "a livello di conoscenza scientifica del paziente" sia per quanto riguarda il suo intrinseco significato, sia per quanto riguarda i limiti temporali entro i quali sottoporsi a ulteriori accertamenti o a trattamenti terapeutici, mentre non può ridursi a una "illustrazione tecnica e atemporale".

In caso contrario, scatta il risarcimento per responsabilità medica.

Corte di cassazione testo sentenza numero 6688/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(25/03/2018 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Cassazione: lo screenshot vale come prova
» Telefono: i costi di disattivazione sono illegittimi
» Carabinieri, concorso per 2.000 posti
» Avvocati: il vademecum sulla privacy
» Pensioni: via la Fornero e tagli a quelle d'oro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss