Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Autovelox: solo i cartelli preventivi devono essere ben visibili

Per il GdP di Terracina a nulla rileva, invece, l'ulteriore visibilità della postazione di controllo in sé
autovelox in autostrada

di Valeria Zeppilli – Affinché il verbale di accertamento di un eccesso di velocità possa dirsi valido, è necessario che la postazione di autovelox sia preventivamente segnalata in maniera idonea agli automobilisti, utilizzando l'apposita cartellonistica o dispositivi luminosi ben visibili.

Per il Giudice di Pace di Terracina Avv. Giovanni Pesce, invece, a nulla rileva l'ulteriore visibilità della postazione di controllo in sé.

Tutela della sicurezza stradale

Nella sentenza numero 209/2017 (qui sotto allegata e che ha accolto il ricorso di un automobilista rappresentato dall'Avv. Roberto Iacovacci), il giudice ha infatti rilevato che "la "segnalazione" e la "visibilità" devono caratterizzare non già la postazione dell'autovelox in sé, intesa in senso fisico … quanto, piuttosto, la sua presenza nei pressi della sede stradale". Del resto, la finalità della norma che impone tali prescrizioni è quella di orientare la condotta di guida degli automobilisti e la sua ratio va rinvenuta "nell'obbligo di civile trasparenza gravante sulla P.A., il cui potere sanzionatorio, in materia di circolazione stradale, non è tanto ispirato dall'intento della "sorpresa ingannevole" dell'automobilista...quanto da uno scopo di tutela della sicurezza stradale e di riduzione dei costi economici, sociali ed ambientali derivanti dal traffico veicolare".

Insomma: la circostanza che gli utenti della strada avvisati della presenza di un autovelox siano poi anche posti nelle condizioni di avvistare il personale e le attrezzature di rilievo della velocità è non solo irrilevante rispetto alla finalità di avvertimento della segnalazione preventiva, ma anche priva di riscontro normativo. Ciò che conta è solo l'adeguata preventiva segnalazione.


Si ringrazia il Consulente Tecnico Investigativo Giorgio Marcon per la cortese segnalazione


GdP testo sentenza numero 209/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(28/12/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Hoverboard: multe fino a 99 euro per chi circola su strada e marciapiedi
» Divorzio: niente assegno all'ex che può mantenersi
» Multe e atti giudiziari: addio alla comunicazione di avvenuta notifica (CAN)
» Cassazione e obbligo iscrizione gestione separata Inps: quali conseguenze per gli avvocati?
» Il decreto ingiuntivo europeo


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss