Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: arriva in Italia la tecnologia d'intelligenza artificiale Luminance

Adottato da diverse law firm straniere, il software è approdato anche presso gli studi legali italiani
robot che stringe mano umana
di Lucia Izzo - La tecnologia d'avanguardia è entrata negli studi legali con prepotenza e subito si è imposta come un partner di cui non è più possibile fare a meno: merito dell'efficienza del lavoro automatizzato dei "robot" e dei software dotati di intelligenza artificiale.
Non si tratta di un fenomeno che affascina soltanto i professionisti d'oltralpe o d'oltreoceano: anche il mercato italiano, infatti, si è di recente dimostrato assai sensibile alla "rivoluzione" tecnica e scientifica, e ha adottato i più sofisticati sistemi software che promettono di svolgere in meno tempo e con prestazioni maggiormente produttive rispetto ai partner umani.
Leggi anche:

L'evoluzione in questa direzione della professione legale, non ha mancato anche di far sorgere preoccupazioni, spingendo verso l'elaborazione di strategie per affrontare "la concorrenza degli avvocati robot" (leggi: Affrontare la concorrenza degli avvocati robot: la prima lezione a Londra).

Luminance: il software di data analytics sbarca negli studi legali in Italia

Tra i più recenti e sofisticati sistemi di intelligenza artificiale e data analytics che hanno trovato spazio negli studi legali italiani, una menzione particolare spetta a "Luminance", una tecnologia sviluppata all'Università di Cambridge e premiata come "Best Artificial Intelligence Product in Legal" ai CogX AI and Innovation Awards a Londra, recentemente sbarcata per la prima volta in Italia presso lo studio legale Portolano Cavallo (con sedi a Milano, Roma e New York).
La piattaforma, già efficacemente adottata da altre celebri "law firm" estere (ad esempio l'inglese "Slaughter and May" e l'americana "Cravath Swaine & Moore") è in grado di analizzare, ordinare, raggruppare e classificare in tempi davvero ristretti migliaia di documenti, individuandone la lingua (italiano compreso), le clausole e le parti, nonché le valute e i mercati rilevanti.
Ancora, Luminance riesce a scovare anomalie in documenti che siano stati creati utilizzando un medesimo standard, segnalando contrasti e differenze ai professionisti già dalle prime fasi di analisi e revisione.
Il sistema, con soluzioni all'avanguardia, garantirà la gestione centralizzata di attività due diligence, migliorando la revisione legale di documenti e facilitando la gestione di attività particolarmente complesse per numero di documenti, di giurisdizioni e di professionisti coinvolti.
Un elenco impressionante di utili funzioni che si accompagna a un'interfaccia di visualizzazione intuitiva, proponendo risultati in forma visiva che facilitano la consultazione a "colpo d'occhio" dei dati più rilevanti, così da offrire sia ai professionisti che ai clienti una consultazione organizzata ed efficiente di innumerevoli documenti.
Nel breve futuro, inoltre, la piattaforma vedrà implementati i concetti del linguaggio legale italiano che potranno essere facilmente identificati.
(22/10/2017 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Tari: come chiedere il rimborso dal 2014Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
Cassazione: valida la querela implicitaCassazione: valida la querela implicita

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF