Sei in: Home » Articoli

Responsabilitā medica: l'obbligo di assicurazione dopo la Legge Gelli

A dover adempiere all'obbligo di assicurazione sono sia le strutture sanitarie e sociosanitarie che i medici liberi professionisti
medico

di Valeria Zeppilli – Tra le tantissime novitā apportate dalla riforma Gelli (legge n. 24/2017) al mondo della responsabilitā medica vi č anche l'introduzione dell'obbligo di assicurazione sia per le strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private che per i singoli medici. Ad occuparsene, in particolare, č l'articolo 10 della legge.

L'assicurazione per le strutture sanitarie

Con riferimento alle strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private la legge dispone un obbligo di copertura assicurativa o di altre misure analoghe per la responsabilitā civile sia verso i terzi che verso i prestatori d'opera.

La polizza deve coprire anche i danni cagionati dal personale che opera a qualsiasi titolo presso la struttura assicurata, compresi, per espressa disposizione legislativa, coloro che svolgono attivitā di formazione, aggiornamento, sperimentazione e ricerca clinica e coloro che rendono prestazioni di libera professione intramuraria o in regime di convenzione con il Servizio sanitario nazionale o attraverso la telemedicina.

Le strutture sono inoltre tenute a pubblicare nel proprio sito web la denominazione dell'impresa presso la quale sono assicurate, indicando per esteso i contratti e le clausole assicurative o le misure analoghe che determinano la copertura.

L'assicurazione per i medici

Per quanto riguarda gli esercenti la professione sanitaria, lo stesso articolo 10 della legge Gelli prevede l'obbligo di stipulare un'adeguata polizza di assicurazione per colpa grave ogni qualvolta gli stessi svolgano la propria attivitā al di fuori delle strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private o prestino la propria opera al loro interno in regime libero-professionale o si avvalgano delle stesse nell'adempimento della propria obbligazione contrattuale assunta con il paziente.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed č dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Universitā 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(06/10/2017 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Il ricorso al Prefetto per impugnare una contravvenzione. Guida con fac-simile
» Arriva il conto corrente gratis per redditi bassi e pensionati
» Bonus avvocati 2018: domande entro il 10 febbraio
» Mantenimento: verso l'addio al tenore di vita anche per il coniuge separato
» Calcola il codice fiscale online


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss