Sei in: Home » Articoli

Separazione dei beni dichiarata solo al prete? Vale solo tra marito e moglie

La Cassazione chiarisce gli effetti della mancata annotazione del regime patrimoniale dei coniugi
coppia di sposi su un viale

di Valeria Zeppilli – Cosa accade se la scelta per la separazione dei beni viene dichiarata dai coniugi al prete ma non è annotata nell'atto di matrimonio trascritto nei registri dello stato civile? La risposta la si può rinvenire nella sentenza numero 22594/2017 della Corte di cassazione (qui sotto allegata), che ha deciso una controversia sorta tra due ex coniugi avente a oggetto una presunta simulazione di un contratto di compravendita di un immobile stipulato in costanza di matrimonio.

Gli effetti della mancata annotazione, secondo quanto emerge dal provvedimento, variano a seconda che si prendano in considerazione i rapporti interni tra moglie e marito o i rapporti di questi con l'esterno.

Rapporti interni tra coniugi

Con riferimento ai rapporti interni tra coniugi, se la scelta per il regime di separazione è espressa in forma scritta alla presenza di due testimoni e davanti al ministro del culto cattolico officiante, la stessa deve ritenersi valida anche se non è annotata nell'atto di matrimonio trascritto nei registri dello stato civile.

Per poter modificare il regime, poi, non può ritenersi sufficiente la dichiarazione unilaterale di un coniuge dinanzi al notaio, né è possibile escludere un singolo bene dal regime prescelto senza modificare in generale il regime stesso.

Opponibilità a terzi

Diverso è il caso dell'opponibilità a terzi.

Come ricordato dalla Corte, infatti, il regime prescelto e le convenzioni, anche atipiche, stipulate dai coniugi sono opponibili ai terzi solo con l'annotazione sull'atto di matrimonio contenuto nei registri pubblici dello stato civile, posto che è questo lo strumento mediante il quale i terzi possono venirne a conoscenza.

Corte di cassazione testo sentenza numero 22594/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(28/09/2017 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Divorzio: niente assegno alla ex che da separata conduce una vita dignitosa
» Avvocati: è necessario cancellarsi dall'albo per andare in pensione
» Tredicesima: a chi spettano i 154 euro in più?
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile
» La messa alla prova


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF