Sei in: Home » Articoli

Riforma giudici di pace: da oggi in vigore

Pubblicata nei giorni scorsi in Gazzetta Ufficiale, entra in vigore oggi la riforma della magistratura onoraria. Le novità e il testo in allegato
giudice serio batte martello evoca presa decisione

di Marina Crisafi - Entra in vigore oggi di ferragosto la riforma della magistratura onoraria approvata nei giorni scorsi dal Parlamento.

Leggi: Riforma giudici di pace: via libera definitivo

La riforma organica provvede a definire lo status del "giudice onorario di pace" e più in generale ad introdurre uno statuto unico della magistratura onoraria, disciplinando conferimento degli incarichi, tirocini, incompatibilità, indennità e durata.

Ma soprattutto il decreto legislativo n. 116/2017 (sotto allegato), amplia notevolmente le competenze dei giudici onorari (oggetto delle incessanti polemiche dell'intera categoria) e detta una disciplina transitoria per i giudici già in servizio e i procedimenti già assegnati.

Ecco, in breve, le novità della riforma:

Incarichi di durata temporanea

La riforma detta una disciplina omogenea relativamente alle modalità di conferimento dell'incarico ai magistrati onorari, ribadendo la durata temporanea limitata degli stessi che, una volta a regime, non potrà superare i due quadrienni, con necessità di conferma dopo il primo.

Giudici di pace: le nuove competenze

Un capo intero del decreto (il decimo) è dedicato all'ampliamento delle competenze dell'ufficio del giudice di pace, con espressa delega di nuove competenze in materia civile, che si aggiungono a quelle già rientranti nella loro giurisdizione o ne ampliano il valore. Tra queste rilevano le cause riguardanti: beni mobili di valore non superiore a 30mila euro; pagamento a qualsiasi titolo di somme di denaro di importo sino a 50mila euro; risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli o natanti di valore non superiore a 50mila euro; le liti in materia di condominio; pignoramenti mobiliari; usucapione di beni immobili e di diritti reali immobiliari di valore non superiore a 30mila euro; espropriazione forzata di cose mobili (ecc.).

Per approfondimenti, leggi: Riforma giudici di pace: le nuove competenze punto per punto

La decorrenza della riforma dei giudici onorari

La riforma entra in vigore oggi, ma una timeline diversa è fissata per l'aumento delle competenze che in ogni caso si avrà a partire dal 31 ottobre 2021, "cioè da quando i nuovi giudici onorari immessi secondo le disposizioni del presente decreto avranno terminato la fase formativa, comprendente il tirocinio e il primo biennio all'interno dell'ufficio per il processo".

Inoltre, nel testo di legge, è previsto uno "specifico regime transitorio per i magistrati onorari in servizio alla data della riforma e per i procedimenti civili e penali assegnati e assegnabili ai giudici onorari di pace in servizio alla data di entrata in vigore del decreto".

D.lgs. n. 116/2017, riforma giudici di pace
(15/08/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss