Sei in: Home » Articoli

Intervento chirurgico inutile: la responsabilità medica e il danno risarcibile

Riflessioni sulla sentenza della Corte di Cassazione civile n. 12597 del 19 maggio 2017
medico2 id10876
Avv. Francesco Pandolfi - Circostanze di questo tipo, ove si accerta in giudizio che un intervento chirurgico affrontato da un paziente si sia rivelato del tutto inutile, purtroppo sono presenti nella casistica della responsabilità medica.

La vicenda

Stiamo parlando di situazioni dove l'intervento chirurgico consigliato dal curante viene comunque eseguito bene.
In altri termini: non si tratta della circostanza nella quale l'errore sanitario si manifesta nell'esecuzione sbagliata dell'operazione, ma del diverso caso in cui tale intervento non doveva proprio essere eseguito in quel modo (per esempio: a causa di omissioni mediche o trattamenti nelle fasi preparatorie e successive all'operazione).
Sembra impossibile, eppure accade (cfr. Cass. civ. n. 12597/2017).
In effetti: come si può pensare che l'ars medica, di per se finalizzata alla cura del paziente e alla protezione del primario bene della salute, possa giungere ad un risultato del genere?

L'inesatto adempimento dell'obbligazione del sanitario

Con questo tema, entriamo nella sfera giuridica dell'inesatto adempimento dell'obbligazione del sanitario.
In buona sostanza: il solo fatto che l'intervento chirurgico si concretizza con una ingerenza inutile nella sfera psico fisica del paziente, ciò determina una lesione del diritto alla salute della persona, traducibile in una compressione ingiustificata di quella sfera.
Nel momento in cui, nel corso del giudizio risarcitorio, si accerta che vi è effettivamente stata una lesione del tipo descritto, ne consegue il diritto al risarcimento del danno di natura non patrimoniale.
Si tratta di danno - conseguenza, che la Corte mette in risalto distinguendone la manifestazione in distinti momenti:
1) sofferenza per i momenti di preparazione dell'intervento chirurgico,

2) sofferenza per l'esecuzione dell'operazione,

3) sofferenza per la fase post - operatoria,

4) sofferenza legata alla successiva percezione dell'inutilità dell'intervento chirurgico.

In pratica

La Corte ha precisato che la responsabilità medica può annidarsi anche in situazioni dove l'intervento, comunque eseguito in modo conforme alla lex artis, poteva essere evitato.
Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'avv. Francesco Pandolfi
3286090590
francesco.pandolfi66@gmail.com

Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(06/07/2017 - Avv.Francesco Pandolfi)
In evidenza oggi:
» Mancato mantenimento figli: reato anche se non c'è stato di bisogno
» Salvini: presto censimento o anagrafe dei Rom
» Assegno di invalidità: l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento
» Il Ctu deve essere pagato da tutti
» Arriva il decreto dignità


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss