Sei in: Home » Articoli

Armi: revoca della licenza e eccessiva discrezionalità amministrativa

Nota di commento alla sentenza del Tar Bologna n. 196/2017
fucile appoggiato alla parete
Avv. Francesco Pandolfi - Il caso è abbastanza ricorrente: la Prefettura vieta ad una persona la detenzione di armi e munizioni, mentre la Questura gli revoca la licenza di porto di fucile per uso tiro a volo.
Alla base dei divieti vi sarebbe una presunta condotta dell'interessato che lascia pensare ad un abuso della licenza di porto dell'arma, con conseguente perdita dei requisiti di piena affidabilità.
Caso ricorrente in quanto, anche in questa occasione, parliamo di un'ipotesi di uccisione di animali e della successiva denuncia del presunto responsabile.
La fattispecie è, in astratto, disciplinata dall'art. 544 bis c.p.
Certamente in casi del genere dovrebbe essere richiesta una maggiore attenzione dell'Autorità sulla revoca della licenza, in quanto troppo spesso ci si muove con certi pregiudizi su chi legittimamente detiene ed utilizza correttamente le armi conformandosi ai precetti normativi vigenti.

Il fatto


Nel caso di specie (sentenza Tar Bologna n. 196/2017), in effetti, già la denuncia del fatto (una uccisione di volatile ascritta all'interessato, poi destinatario della denuncia) da subito doveva apparire carente agli organi istituzionali investiti della questione.
In pratica era andata così: i denuncianti avevano udito uno sparo, anzi un rumore somigliante ad uno sparo, subito dopo avevano visto il volatile caduto a terra. Nessuno aveva però visualizzato l'autore, ma si era ipotizzato lo sparo come proveniente da una certa finestra.
Circostanza emblematica questa, idonea di per sé a generare dubbi in sede amministrativa, dubbi che però nella fattispecie non si sono concretizzati.
Non solo: tenendo presente che neppure le successive fasi di indagine penale avevano portato alla reale individuazione del responsabile (tanto da arrivare dopo allo sbocco inevitabile di quel giudizio penale: l'archiviazione), l'Autorità amministrativa non doveva e non poteva porre a base dei propri provvedimenti una circostanza dubbia e cioè la non nota identità dell'autore degli spari.

In pratica


Ricorrere al Giudice quando i provvedimenti amministrativi travisano la realtà.


Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'avv. Francesco Pandolfi
Utenza mobile: 3286090590
Mail: francesco.pandolfi66@gmail.com

Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(21/05/2017 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Pedoni: multe fino a 100 euro per chi sosta in gruppo sui marciapiedi
» Gratuito patrocinio: l'indennità di accompagnamento non è reddito
» La chiusura delle indagini preliminari
» WhatsApp, cambiamenti e novità in arrivo
» Processo civile: le decisioni "a sorpresa" del giudice

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss