Sei in: Home » Articoli

La collazione di beni mobili

Il codice civile stabilisce che essa va fatta per imputazione e detta criteri specifici per la determinazione del valore di tali beni
blocchi con sopra scritto parole testamento e ultime volonta

di Valeria Zeppilli

Cos'è la collazione

La collazione è il rimedio con il quale il coniuge del defunto, i suoi figli e i loro discendenti che hanno accettato l'eredità restituiscono alla massa ereditaria quanto il de cuius aveva eventualmente donato loro quando era in vita.

Essa, che ha come fine quello di ripristinare l'uguaglianza tra tutti i parenti più stretti del defunto, può avere ad oggetto sia beni mobili che beni immobili.

Vai alla guida: "La collazione"

Come si fa la collazione di mobili

Soffermandoci in particolare sulla collazione di mobili, il codice civile, all'articolo 750, stabilisce che essa può essere fatta soltanto per imputazione, considerando il valore che tali beni hanno al momento dell'apertura della successione e non quello che avevano al momento della donazione (che in genere è più elevato).

In altre parole, il coerede può trattenere il bene che il defunto gli aveva donato, ma ne deve detrarre il valore (come sopra individuato) dalla sua quota ereditaria.

Cose deteriorabili

La determinazione del valore dei beni mobili al momento dell'apertura della successione è agevolata da alcune precisazioni fatte dallo stesso codice civile.

Nel dettaglio, con riferimento alle cose che con l'uso si deteriorano, l'articolo 750 precisa che il loro valore ai fini della collazione per imputazione è stabilito con riguardo allo stato in cui si trovano al momento in cui lo stesso va valutato.

Cose consumabili

Con riguardo, invece, alle cose delle quali non si può far uso senza consumarle, si stabilisce che, se il donatario le ha già consumate, ai fini dell'imputazione si considera il valore che avrebbero avuto sulla base del prezzo corrente al tempo dell'aperta successione.

Titoli di credito, derrate e merci

Il legislatore si occupa poi di precisare quale è il criterio di determinazione del valore dei titoli dello Stato, degli altri titoli di credito quotati in borsa e delle derrate e delle merci il cui prezzo corrente è stabilito dalle mercuriali: per tali beni l'imputazione ai fini della collazione va fatta guardando ai listini di borsa e alle mercuriali del tempo dell'aperta successione.

Quote societarie e quote dell'azienda

Nell'affrontare lo specifico tema della collazione di beni mobili non si può prescindere, infine, dal dare conto di quanto chiarito dalla giurisprudenza con riferimento alle quote societarie e alla distinzione delle stesse dalle quote dell'azienda.

Particolarmente degna di nota, a tal proposito, è la sentenza della Corte di cassazione numero 502/2003 con la quale i giudici hanno precisato che "mentre la quota sociale è rappresentativa solo della misura dei diritti di partecipazione del socio alla vita societaria, non conferendo al socio un diritto reale sui beni costituenti il patrimonio societario, e quindi, costituisce un diritto personale, come tale soggetto a collazione per imputazione, come stabilisce l'art. 750, co. 1 , cod. civ. per i beni mobili in genere, la quota della azienda è rappresentativa della misura del diritto reale spettante ai contitolari dell'azienda sulla universitas rerum da cui l'azienda è composta e, come ritenuto da questa Suprema Corte, la sua collazione si fa ai sensi dell'art. 746 cod. civ. (collazione di immobili), precisandosi che, ove si proceda alla collazione per imputazione, devesi aver riguardo, non già al valore dei singoli beni, mobili od immobili, che compongono l'azienda, bensì al valore assunto dall'azienda quale complesso unitario organizzato per fini produttivi, al tempo dell'apertura della successione".

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(26/04/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Tari: come chiedere il rimborso dal 2014Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF