Sei in: Home » Articoli

Canna fumaria: le principali problematiche di carattere legale

Limiti di natura amministrativa, civile e penale sull'installazione e utilizzo della canna fumaria
diverse canne fumarie su tetto di tegole

Avv. Laura Bazzan - Le questioni relative all'installazione e all'utilizzo della canna fumaria interessano trasversalmente diversi settori del diritto. Tra le principali problematiche giuridiche connesse alla canna fumaria, vengono in primo luogo in rilievo le norme in materia di urbanistica e distanze legali.

Canna fumaria e permesso di costruire

Per la giurisprudenza amministrativa, ad esempio, la realizzazione di una canna fumaria, in quanto volume tecnico, non richiede il rilascio del permesso di costruire, salvo che si tratti di opera di palese evidenza rispetto alla costruzione ed alla sagoma dell'immobile (cfr. TAR Abruzzo n. 209/2016). Se la canna fumaria assume autonoma rilevanza urbanistico funzionale, inoltre, l'opera costituisce innovazione abusiva ed illegittima se non realizzata nei limiti inderogabili sulle distanze di cui al d.m. 1444/1968 (cfr. TAR Piemonte n. 1052/2013).

Canne fumarie: le distanze legali

Costantemente, la Corte di Cassazione si è trovata a ribadire come la previsione sulle distanze di cui all'art. 890 c.c., nella quale rientrano anche i comignoli con canna fumaria, non fissi direttamente le distanze ma operi un mero rinvio ai regolamenti locali (ex multis, Cass. n. 1049/1983). Più di recente, la stessa Cassazione ha avuto modo di precisare che, poiché la norma civilistica risulta collegata ad una presunzione di nocività e pericolosità, si pone la necessità di distinguere l'ipotesi in cui il regolamento edilizio comunale prescriva delle distanze minime da quella in cui non vi siano disposizioni regolamentari: nel primo caso, tale presunzione ha natura assoluta e prescinde da ogni accertamento concreto; nel secondo caso, "si ha pur sempre una presunzione di pericolosità, seppure relativa, che può essere superata ove la parte interessata al mantenimento del manufatto dimostri che mediante opportuni accorgimenti può ovviarsi al pericolo o al danno del fondo vicino" (Cass. n. 13449/2016).

Quando l'installazione venga realizzata su un edificio condominiale, inoltre, si deve avere riguardo anche alle norme stabilite dal codice civile sull'utilizzo delle cose comuni. Valutando la legittimità dell'apposizione di una canna fumaria in aderenza al muro perimetrale e a ridosso del terrazzo a livello di proprietà di un determinato condomino, in particolare, la Suprema Corte ha rilevato come le norme sulle distanze siano applicabili anche tra i condomini di un edificio condominiale, a condizione, tuttavia, che siano compatibili con la disciplina particolare e vengano rispettati i limiti previsti dall'art. 1102 c.c. (cfr. Cass. n. 936/2014).

Le immissioni della canna fumaria

In ogni caso, con specifico riferimento alla dispersione dei fumi promananti dalla canna fumaria, devono essere considerate le disposizioni in materia di immissioni, cui consegue l'obbligo di non superare la soglia della normale tollerabilità ex art. 844 c.c. anche al fine di evitare la configurabilità del reato contravvenzionale di getto pericoloso di cose previsto dall'art. 674 c.p.

(25/04/2017 - Avv.Laura Bazzan) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» RC Auto: al via gli sconti obbligatori
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi