Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Nasce il primo condominio per anziani gay

A Bologna il primo esempio italiano dell'iniziativa friendly home giā collaudata all'estero
pensionati insieme davanti al computer

di Gabriella Lax - Contro la solitudine nascerā a Bologna il primo condominio per anziani gay, un palazzo in cittā con 50 appartamenti per chi č rimasto solo. Come riferiscono Gay.it e Repubblica, si tratta di un progetto Friendly home realizzato da un gruppo di professionisti dopo 15 mesi di studio alla Bologna Business School. L'obiettivo č prendere in gestione un palazzo in cittā da destinare alla comunitā omosessuale (uomini e donne) per aiutare le persone che, invecchiando, possono ritrovarsi sole (perché senza figli o magari a causa di legami familiari interrotti). Persone che desiderano vivere con altre persone LGBT in una struttura fornita di assistenza sanitaria e tempo libero. Il progetto ha ricevuto il consenso dal presidente del "Cassero Arcigay" Vincenzo Branā e mira a farsi carico di un tema molto delicato e importante nella comunitā LGBT tutta.

Il progetto ha una sua finalitā anche sotto il profilo della sostenibilitā economica. La societā cercherā un edificio adatto e un investitore che potrebbe configurarsi sotto diverse vesti: o qualcuno che anticipa le quote di affitto in attesa che si trovino gli inquilini, con una quota minima iniziale stimata in 400 mila euro, o qualcun altro che mette a disposizione l'immobile. In entrambi i casi l'investimento presupporrebbe l'entrata in societā. Secondo le stime, almeno 35 mila persone over 55 potrebbero essere interessate a questa soluzione, potenzialmente estendibile anche ad altri grandi centri italiani e giā collaudata all'estero.

(30/03/2017 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multe: sono nulle quelle fatte dal tutor usato come autovelox
» Responsabilitā medica: la colpa lieve resta
» L'Inps cerca avvocati
» Carceri: ok alla riforma
» Separazione e divorzio: l'Istat modifica le schede dei tribunali


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss