Sei in: Home » Articoli

Fino a 4 anni di carcere per chi registra telefonate di nascosto e le diffonde

Ma non è punibile chi lo fa per l'esercizio del diritto di difesa o del diritto di cronaca
Uomo in manette

di Valeria Zeppilli – Il DDL di riforma del processo penale (qui sotto allegato), dopo aver passato il vaglio del Senato, si appresta a tornare all'esame della Camera (leggi: "Penale: ok alla riforma").

Tra le disposizioni approvate, balza agli occhi quella che pone tra gli argomenti oggetto di delega la previsione di un delitto specificamente sanzionato, commesso da chi registra telefonate di nascosto e le diffonde a scopo fraudolento.

Diffusione fraudolenta

In particolare, si immagina un nuovo delitto integrato in caso di diffusione di riprese audiovisive o registrazioni di conversazioni, anche telefoniche, svolte in propria presenza ed effettuate fraudolentemente, se il fine della diffusione è solo quello di recare danno alla reputazione o all'immagine altrui.

Reclusione sino a quattro anni

La pena irrogabile per tale nuovo reato, previsto nel DDL approvato in Senato, è peraltro abbastanza severa, essendo identificata nella reclusione fino a quattro anni.

Esclusione della punibilità

In ogni caso, la punibilità è esclusa se le registrazioni sono utilizzate nell'ambito di un procedimento amministrativo o giudiziario.

La stessa conseguenza si raggiunge anche se la diffusione delle stesse è finalizzata all'esercizio del diritto di difesa o del diritto di cronaca.

Intercettazioni

Le previsioni del DDL che si occupano di intercettazioni non si limitano a questa specifica novità, ma riformano la materia in lungo e in largo, principalmente con scopi di tutela della riservatezza e taglio dei costi. Leggi: "Penale: ok alla riforma". 

DDL riforma processo penale
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(16/03/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Divorzio: niente assegno alla ex che da separata conduce una vita dignitosa
» Avvocati: è necessario cancellarsi dall'albo per andare in pensione
» Tredicesima: a chi spettano i 154 euro in più?
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile
» La messa alla prova


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF