Sei in: Home » Articoli

Il controllo online del permesso di soggiorno

Come controllare lo stato del permesso di soggiorno via web
timbro su un permesso di soggiorno

Avv. Laura Bazzan - Lo stato di avanzamento della pratica di rilascio, rinnovo o duplicato del permesso di soggiorno pu˛ essere consultato online.

Per verificare se la documentazione presentata Ŕ completa o devono essere effettuate integrazioni, Ŕ sufficiente collegarsi al sito www.portaleimmigrazione.it ed accedere all'area riservata stranieri, autenticandosi con nome utente e password. Si tratta, rispettivamente, del codice ologramma, riportato in alto a destra nella ricevuta rilasciata dall'operatore del servizio Sportello Amico al momento della presentazione della busta contenente il kit postale per il permesso di soggiorno, e del codice assicurata, indicato in alto a sinistra nella stessa ricevuta assicurata (da digitare nell'apposito spazio senza inserire il trattino che precede l'ultima cifra).

Per sapere se il permesso di soggiorno Ŕ pronto, Ŕ possibile accedere alla sezione "il tuo permesso di soggiorno" dal sito istituzionale della Polizia di Stato che, dopo aver selezionato la lingua, permette di controllare online l'esito della procedura inserendo il numero pratica composto da 10 cifre (quando la richiesta Ŕ stata presentata all'Ufficio Stranieri della Questura) o il numero assicurata composto da 12 cifre (quando la richiesta Ŕ stata presentata allo Sportello Amico delle Poste).

Se il permesso di soggiorno non Ŕ ancora pronto, compare la dicitura "documento di soggiorno in trattazione". Se il permesso di soggiorno Ŕ pronto, vengono indicate le modalitÓ per il suo ritiro con l'indirizzo dell'ufficio e la specificazione del giorno e dell'orario in cui Ŕ possibile prenotarsi.

Il servizio Ŕ disponibile anche attraverso connessione in mobilitÓ.

(02/03/2017 - Avv.Laura Bazzan) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Divorzio: via libera all'app per gestire i figli senza conflitti
» Sfratti: il termine di grazia
» Guida legale: La revoca della rinuncia all'ereditÓ.
» Lavoro: da domani in vigore le nuove regole sulle visite fiscali
» EreditÓ: la ripartizione dei debiti tra gli eredi


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss