Sei in: Home » Articoli

Fatture e corrispettivi: da oggi l'invio dei dati online

Le nuove funzionalità per gli intermediari messe a disposizione su sito dell'Agenzia delle Entrate
quietanza pagamento stampata al computer

di Redazione - Da oggi gli intermediari potranno trasmettere gratuitamente le fatture emesse e ricevute dai propri clienti direttamente sul sito delle Entrate. L'agenzia infatti ha messo a disposizione la nuova funzionalità "Fatture e corrispettivi" per il servizio dedicato all'e-fattura, anche ai professionisti.

Sinora, come si legge nella nota del fisco, l'interfaccia gratuita era riservata al singolo operatore per proprio conto. D'ora in poi, invece, sarà aperta anche ai soggetti incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni. L'obiettivo è quello, prosegue la nota, di ampliare sempre di più "il kit di servizi" offerti dalle Entrate per favorire il passaggio all'e-envoicing.

Le nuove funzionalità

A partire da oggi, dunque, tramite l'accesso alla nuova funzionalità "Fatture e corrispettivi", i soggetti incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni (quali Caf e professionisti abilitati) potranno esercitare in nome e per conto dei clienti le opzioni previste dalla legge e operare in prima persona all'interno dell'area "dati e fattura", sia al fine di generare che trasmettere al fisco i file con le fatture emesse e ricevute dagli assistiti.

Una nuova funzione è attiva, sempre da oggi, nell'area "Corrispettivi", attraverso la quale gli intermediari potranno, inoltre, accreditare i soggetti produttori e gestori di registratori telematici e di distributori automatici, nonché censire operatori e dispositivi.

Come avviene la trasmissione dei file

Attualmente, comunicano le Entrate, si possono trasmettere i dati relativi alle fatture con due modalità: - per singolo file (che contiene i dati delle fatture emesse da un soggetto nei confronti di un proprio cliente ovvero delle fatture che il soggetto ha ricevuto e registrato da un proprio forniture; - per più file "datifattura", contenuti in una cartella compressa non superiore a 5 megabyte (inviandoli con un solo upload).

Nei prossimi mesi, specifica l'Agenzia, si potrà utilizzare un unico file "datifattura" per inviare le fatture emesse da un soggetto nei confronti di più clienti o le fatture ricevute da più fornitori.

(24/01/2017 - Redazione) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il reato di ricettazione
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: polizza infortuni a metàAvvocati: polizza infortuni a metà
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF