Sei in: Home » Articoli

Il divorzio nelle unioni civili

Le coppie omosessuali possono sciogliere il loro legame scegliendo tra le tre strade previste anche per i matrimoni, ma senza passare per la separazione
cuore spezzato su sfondo arcobaleno concetto divorzio gay

di Valeria Zeppilli – Il riconoscimento del diritto degli omosessuali di formalizzare il loro rapporto mediante un'unione civile, avvenuto in Italia con l'emanazione della cd. legge Cirinnà, comporta l'ovvia possibilità di decretare la rottura del rapporto.

Ognuno dei partner, in virtù di quanto previsto dalla legge numero 76/2016, è infatti libero di chiedere il divorzio in qualsiasi momento, anche se l'altro non è d'accordo.

È però necessario formalizzare lo scioglimento del legame.

Divorzio senza separazione

Rispetto a quanto avviene per il matrimonio, tuttavia, le unioni civili possono sciogliersi più celermente: non è infatti necessario passare per la formale separazione, ma è sufficiente che i partner comunichino all'ufficiale di stato civile, anche disgiuntamente, la loro intenzione di dividersi.

Fatto questo passaggio e trascorsi tre mesi, diviene possibile proporre domanda di divorzio.

Le strade per divorziare

Le strade per divorziare, a questo punto, si uniformano a quelle previste dal nostro ordinamento per il matrimonio e sono tre: in Tribunale, davanti al Sindaco o ricorrendo alla negoziazione assistita da avvocati.

Al partner economicamente più debole può essere riconosciuto il diritto agli alimenti posti a carico dell'altro e l'assegnazione della casa.

Lo scioglimento automatico dell'unione civile

In alcuni casi, poi, l'unione civile si scioglie automaticamente.

Si tratta, in particolare, non solo delle ipotesi in cui il partner muoia o sia dichiarata la sua morte presunta, ma anche dell'ipotesi di rettifica di sesso da parte di uno dei due compagni.

Mancata consumazione del rapporto

Al contrario di quanto avviene per il matrimonio, si segnala che per le coppie unite da un'unione civile non è possibile chiedere lo scioglimento della stessa in maniera semplificata rispetto all'iter normale in caso di mancata consumazione del rapporto.

Per approfondimenti vai alla guida completa sulle unioni civili

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(24/01/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Tari: come chiedere il rimborso dal 2014Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF