Sei in: Home » Articoli

Unioni civili: niente furto se il ladro è parte della coppia

I decreti attuativi sono pronti per il via libera e la causa di non punibilità è estesa a patto che vi sia coabitazione
omosessuali

di Valeria Zeppilli – Dopo aver atteso a lungo, la legge Cirinnà è pronta per divenire completamente operativa.

I decreti legislativi attuativi, infatti, stanno per ricevere il via libera definitivo del Governo e l'adeguamento dell'ordinamento dello stato civile, delle norme di diritto internazionale privato e dei precetti penali sarà presto effettivo.

Estensione della causa di non punibilità

Tra le novità più interessanti vi è di certo l'estensione anche al membro di un unione civile della causa di non punibilità in caso di commissione di reato patrimoniale.

In altre parole: non è punibile chi ruba al partner al quale è unito da un'unione civile. Con una differenza rispetto ai coniugi uniti in matrimonio: per godere del "beneficio" è necessaria la coabitazione. E già si parla di discriminazione.

L'equiparazione della parte dell'unione al prossimo congiunto, però, non si limita a questo aspetto. Essa, infatti, si ha in tutti i casi in cui tale condizione sia un elemento costitutivo o aggravante di un reato o nei casi in cui sia riferibile ai motivi di astensione del giudice e ai diritti della persona offesa.

Altre novità in arrivo

Le altre novità in arrivo, che completeranno la rivoluzione introdotta dalla legge Cirinnà riguardano, poi, le regole su formalità, iscrizioni e annotazioni, che le unioni civili mutueranno interamente da quelle dettate per il matrimonio.

Si segnalano, infine, la specificazione delle modalità di richiesta e di costituzione del vincolo in parola e la possibilità di applicare la nuova disciplina italiana anche alle coppie omosessuali che abbiano contratto un matrimonio, un'unione civile o un altro atto analogo all'estero

Leggi anche: "Unioni civili: reato (anche) per il partner che non paga il mantenimento"

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(20/12/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Separazione: rischia l'esclusione dalle scelte sulla salute dei figli il genitore che rifiuta i vaccini
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss