Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Caparra: valida anche se l'assegno risulta scoperto

Per la Cassazione al promittente acquirente basta la prova della data e della consegna del titolo, mentre spetta al venditore la prova del mancato incasso
mano di imprenditore che consegna assegno ad altra persona

di Valeria Zeppilli – La mancanza di provvista necessaria per il pagamento di un assegno non è di per sé un motivo sufficiente a legittimare la risoluzione di un preliminare di compravendita per inadempimento del promissario acquirente.

A detta della Cassazione, infatti, la caparra è di per sé valida e il debitore risulta adempiente se riesce a dimostrare la data di emissione dell'assegno e la sua consegna. Provato ciò, sarà il creditore che dovrà dare prova del mancato incasso.

Così, con la sentenza numero 24747/2016 del 5 dicembre (qui sotto allegata), la Corte di cassazione ha accolto il ricorso presentato dal promissario acquirente avverso la sentenza con la quale la Corte d'appello lo aveva condannato a versare il doppio della caparra pattuita in sede di stipula del preliminare.

Con la precisazione che la prova che il promissario venditore non aveva fornito, ovverosia quella relativa al difetto di provvista e al conseguente mancato incasso della caparra, non può essere reputata una probatio diabolica, per quanto negativa.

Del resto l'assegno è un titolo pagabile a vista e la sua funzione di mezzo di pagamento può dirsi perfezionata nel momento in cui esso passa nella disponibilità del prenditore, lasciando le mani del traente.

Così, nel caso di specie, il contratto reale di caparra doveva intendersi perfezionato dal momento che l'assegno era stato consegnato al mediatore, come concordato tra le parti del preliminare.

La questione, insomma, non si chiude qui e il giudice del merito sarà costretto ad affrontarla di nuovo tenendo conto di quanto chiarito dalla Cassazione.

Corte di cassazione testo sentenza numero 24747/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(06/12/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss