Sei in: Home » Articoli

Forze armate, esigenze abitative e alloggi militari

Nota di commento alla sentenza del Tar Lazio n. 19/2016
militare mostra proprio alloggio
Avv. Francesco Pandolfi - Uno degli interessi dell'amministrazione militare è quello di mantenere in prossimità della sede di servizio il dipendente che svolga determinati incarichi, spingendo al massimo la soddisfazione delle esigenze abitative dei militari interessati.
E' lo scopo dell'art. 333 6° co. d P.R. 90/2010.

Andiamo al pratico

Qual'è la posizione del militare interessato che occupa determinati incarichi?
Ebbene, esistono due aspetti da considerare.

Il militare assegnatario

In primo luogo è quella di soggetto legittimato a dolersi della violazione dell'art. 333 6° co. citato ("...in caso di recupero degli alloggi, gli atti esecutivi sono differiti fino al momento in cui sorga in altro personale il titolo ad usufruire dell'alloggio.").
In pratica questa categoria di militari (legittimi assegnatari) vanta un vero e proprio diritto a subentrare nell'alloggio rispetto all'occupante senza titolo.
Nei confronti dell'Amministrazione, invece, le cose cambiano e l'aspettativa del militare legittimo assegnatario dell'alloggio è diversa.
Qui infatti vanta una posizione giuridicamente tutelata come interesse legittimo (pretensivo): in buona sostanza l'aspettativa che nutre è quella di un'amministrazione solerte che svolga tempestivamente tutte quelle procedure utili per consegnare il bene che è stato a lui attribuito in forza di un provvedimento concessorio.
In pratica, attraverso questo specifico "interesse pretensivo" il soggetto ha come scopo quello di ottenere una posizione di vantaggio attraverso un'attività della Pubblica Amministrazione, idonea ad incidere in modo favorevole sulla sua situazione soggettiva (per un paragone, pensiamo alla concessione di una licenza per aprire un'attività commerciale).
Possiamo dire che "l'interesse" in esame assomiglia al vero e proprio "diritto", pur essendone distinto come figura.

L'occupante senza titolo

Evidentemente a chi occupa senza titolo un immobile di servizio la norma non attribuisce alcuna posizione meritevole di tutela, fatta eccezione per quelle particolari circostanze che al limite possono essere ritenute prevalenti, ma solo quando siano prontamente rappresentate all'amministrazione (all'autorità che procede).
Le situazioni eccezionali che possono pertanto essere invocate sono quelle riferibili alle "categorie protette".
Fuori da questi casi, definiti eccezionali, chi si trovasse ad occupare un immobile di questo tipo "sine titulo" verrebbe definito come detentore di fatto.
Circostanza che implica l'assenza di specifiche forme di tutela.

In conclusione

Il dovere dell'Amministrazione è quello di assicurare che l'immobile sia utilizzato in modo conforme alla sua destinazione istituzionale.

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

Cellulare: 3286090590

Mail: francesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(10/12/2016 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Divorzio: sì all'assegno alla moglie anziana e con pensione minima
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Stalking: il reato di "atti persecutori"
» Avvocati: firmato il nuovo decreto sui compensi
» Avvocati: ecco le nuove tariffe


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF