Sei in: Home » Articoli

Film in streaming? Ecco dove guardarli è legale

Dove è possibile guardare film in streaming senza incorrere nelle sanzioni di legge
ragazza guarda film in streaming

Avv. Daniele Paolanti

Cos'è lo streaming

Lo streaming è un flusso di dati audio/video diretto da una determinata sorgente a una rete telematica. Di per sé, il concetto esprime un'attività perfettamente legale che, tuttavia, viene spesso utilizzata per la trasmissione illecita di materiali coperti da copyright, come ad esempio film e musica ma anche, ultimamente con crescente diffusione, partite di calcio o sport normalmente riservati alle pay tv. Il diffondersi di internet e della maggiore velocità della rete ha aumentato esponenzialmente tale fenomeno, tanto da rendere molto diffuse alcune domande: cosa rischia un utente che fruisce di tali contenuti? I rischi sono gli stessi per l'utente saltuario e l'utente abituale? Quali sono i siti in cui è possibile guardare film in streaming legalmente?

Ma andiamo per gradi.

La multa per chi vede film in streaming

Di certo la domanda più diffusa riguarda le cd. multe, o più precisamente le sanzioni che rischia chi accede tramite lo streaming a contenuti protetti dal diritto d'autore. Sebbene nel lessico comune si parli di multa, per essere corretti deve parlarsi piuttosto di sanzione amministrativa: infatti, salvo che il fatto non concorra con altre specifiche ipotesi di reato, la condotta ha rilevanza amministrativa e non penale.

Per comprendere le conseguenze del guardare film in streaming illegalmente occorre prendere come riferimento una legge piuttosto datata ma emendata nel tempo e ancora oggi in vigore: la numero 633 del 1941 (cd. legge sul diritto d'autore). All'interno di detto atto normativo è contenuto un preciso regime sanzionatorio che incide, con la sua portata, sia su coloro i quali diffondono materiale protetto da diritto d'autore senza le dovute autorizzazioni (e dunque illegalmente) sia su coloro i quali usufruiscono di detti contenuti.

La parte del provvedimento alla quale fare riferimento per comprendere la portata dei suesposti principi è quella di cui alla sezione II del capo 3 della citata legge, rubricata "difese e sanzioni penali": in questa sezione sono sanzionate le condotte di chi diffonde materiale protetto da diritto d'autore, duplica, o trae profitto dalle condotte de quibus.

Articolo 174-ter della legge sul diritto d'autore

La posizione che a noi interessa ai fini della presente indagine è quella dell'utente che, ignaro dei rischi connessi alla sua condotta, accede ai predetti contenuti anche se non è sua intenzione trarne profitto né contribuire alla loro diffusione. La norma da considerare, quindi, è quella di cui all'art. 174-ter, che così dispone: "1. Chiunque abusivamente utilizza, anche via etere o via cavo, duplica, riproduce, in tutto o in parte, con qualsiasi procedimento, anche avvalendosi di strumenti atti ad eludere le misure tecnologiche di protezione, opere o materiali protetti, oppure acquista o noleggia supporti audiovisivi, fonografici, informatici o multimediali non conformi alle prescrizioni della presente legge, ovvero attrezzature, prodotti o componenti atti ad eludere misure di protezione tecnologiche è punito, purché il fatto non concorra con i reati di cui agli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 171-quater, 171-quinquies, 171-septies e 171-octies, con la sanzione amministrativa pecuniaria di euro 154 e con le sanzioni accessorie della confisca del materiale e della pubblicazione del provvedimento su un giornale quotidiano a diffusione nazionale. 2. In caso di recidiva o di fatto grave per la quantità delle violazioni o delle copie acquistate o noleggiate, la sanzione amministrativa è aumentata sino ad euro 1.032,00 ed il fatto è punito con la confisca degli strumenti e del materiale, con la pubblicazione del provvedimento su due o più giornali quotidiani a diffusione nazionale o su uno o più periodici specializzati nel settore dello spettacolo e, se si tratta di attività imprenditoriale, con la revoca della concessione o dell'autorizzazione di diffusione radiotelevisiva o dell'autorizzazione per l'esercizio dell'attività produttiva o commerciale".

Dal contenuto della norma di cui si è appena riportato il testo si apprende che i rischi connessi alla fruizione di servizi o contenuti normalmente protetti da copyright è la sanzione amministrativa pecuniaria di Euro 154 oltre alla confisca e alla pubblicazione del materiale, salvo pene più severe se il fatto concorre con determinati reati, vi è recidiva o la condotta risulta particolarmente grave per la quantità delle violazioni o delle copie acquistate o noleggiate.

Streaming legale: calcio e cinema in alta definizione

In ogni caso, come detto in incipit, non sempre lo streaming è sinonimo di illegalità. Anzi: ci sono molti siti che consentono di vedere film e partite di calcio in streaming in modo assolutamente legale e soprattutto in alta definizione. Nei siti pirata, invece, spesso anche la qualità lascia a desiderare.

Ultimamente stanno avendo ampia diffusione di siti ed app tramite i quali è possibile accedere a contenuti come film o serie tv. La diffusione di questi servizi commerciali trova origine nell'ormai assunta consapevolezza che il fenomeno dello streaming sarà destinato ad aumentare esponenzialmente nel corso degli anni e che si sono rese necessarie alternative legali al fenomeno della pirateria. Servizi in streaming on demand sono oggi disponibili legalmente e talvolta è possibile a contenuti di cinema e sport al costo di qualche centesimo.

Siti di streaming legale

I siti dove accedere a contenuti streaming in maniera legale sono ormai tantissimi.

  • Cominciamo da uno dei più noti: Infinitytv.it. Dopo una prova gratuita di 30 giorni è possibile sottoscrivere un'abbonamento a costi davvero contenuti e guardare film e serie tv in streaming.
  • A seguire c'è Chili (it.chili.tv) con ampio catalogo di film organizzati per aree tematiche.
  • C'è poi (ma chi non lo conosce) la sezione "Film" nello store di Google Play (play.google.com/store/movies) con tre interessanti sezioni: "Consigliati per te", Nuove uscite" e "Film più venduti".
  • E ancora it.wuaki.tv della società giapponese Rakuten che offre anche in Italia un servizio on demand con dei contenuti in alta definizione.

Streaming legale gratis

In molti siti, inoltre, è possibile anche accedere a film in streaming legalmente e in maniera gratuita. Tra i migliori si segnalano:

Alcuni siti, poi, non pubblicano i contenuti direttamente ma indicano dove trovarli. Tra questi si segnala Vodkey (vodkey.it).

Infine, per coloro che sono registrati ad Amazon Prime, con il loro abbonamento possono accedere senza costi aggiuntivi ai film e alle serie tv di Amazon Prime Video (www.primevideo.com).
Daniele PaolantiDaniele Paolanti - profilo e articoli
E-mail: daniele.paolanti@gmail.com Tel: 340.2900464
Vincitore del concorso di ammissione al Dottorato di Ricerca svolge attività di assistenza alla didattica.
(13/12/2017 - Avv.Daniele Paolanti) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss