Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: il contributo unificato e le marche non fanno parte dei ricavi

Per la CTR di Roma si tratta di costi fondamentali per lo svolgimento dell'attività legale che non vanno ripresi a tassazione
avvocato che sogna equo compenso

di Valeria Zeppilli – La Commissione Tributaria Regionale di Roma, con sentenza numero 5330/2016, ha fugato ogni dubbio residuo: i costi che l'avvocato sostiene in relazione alla sua attività professionale e indicati nella documentazione extracontabile non rappresentano mai ricavi.

Il riferimento va al contributo unificato, alle marche da bollo e alle somme esborsate per partecipare alla commissione edilizia comunale.

Detta così suona un po' strana, ma proviamo a spiegarci meglio.

Nel caso di specie, la controversia era sorta a seguito di un accertamento ai fini Irpef ed Iva fatto nei confronti di un avvocato, dal quale era emerso che alcuni costi legati allo svolgimento dell'attività forense (tra i quali quelli sopra riportati) erano in realtà dei ricavi non dichiarati.

Secondo il legale, tuttavia, si trattava di conclusioni errate.

La Commissione capitolina, chiamata a dirimere la questione, ha accolto le sue doglianze, sebbene solo in parte.

Quelli sostenuti per contributo unificato, marche e partecipazione alla commissione edilizia comunale, infatti, sono costi incontestatamente sostenuti dal contribuente e fondamentali al fine di svolgere la sua attività legale amministrativa o penale. Di conseguenza, il relativo importo va scomputato da quello che la Guardia di finanza ha considerato, invece, una somma non contabilizzata e, come tale, da riprendere a tassazione.

Restano invece da riprendere altre voci che l'avvocato ha pure indicato indebitamente tra i costi, ovverosia dei bonifici con causale poco chiara, delle spese per lavori di ristrutturazione e un prestito per un investimento immobiliare.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(18/10/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Conto corrente cointestato: può essere donazione indiretta
» Resto al Sud: 200mila euro da gennaio ai giovani
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?
» Mantenimento figli: le linee guida del Cnf sulle spese ordinarie e straordinarie


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF