Sei in: Home » Articoli

Armi: riflessi della violazione degli obblighi di assistenza familiare sul divieto di detenzione

Note sulla sentenza del Tar Ancona n. 663 del 18 settembre 2015
giudice tiene pistola come corpo del reato
Avv. Francesco Pandolfi - Un caso dove la soluzione trovata dal Giudice risulta a favore del ricorrente, il quale si è visto notificare il provvedimento di divieto di detenzione di alcune armi di sua proprietà con intimazione del termine di giorni 150 per alienarle, pena la confisca e la rottamazione.

La genesi del provvedimento sta nei conflittuali rapporti con la moglie, per i quali pendono in capo all'interessato alcuni procedimenti penali riconducibili alla violazione dell'obbligo di assistenza familiare e al reato di minaccia.

L'interessato ricorre contro il Ministero dell'Interno e la Prefettura e chiede l'annullamento del severo provvedimento amministrativo.

Cosa dice il tribunale


Anche in questa occasione il Tar si mostra benevolo con il ricorrente.

E' bene premettere la logica del sistema di regole in materia: si tratta di prevenire la commissione di reati e sinistri, non tanto dovuti ad attitudini dolose o aggressive quanto ad incapacità o mancanza di autocontrollo in situazioni di tensioni emotive (oltre ad assicurare la sicurezza pubblica).

Fatta questa doverosa premessa è però evidente alla luce dei fatti che, mancando un chiaro nesso causale, una diretta relazione tra l'uso delle armi e la specifica situazione di cui si parla, l'amministrazione non può farne discendere (quasi fosse un automatismo) la sopraggiunta inaffidabilità del soggetto interessato.

In poche parole: nella causa in commento, l'Amministrazione non riesce a dimostrare che quei rapporti conflittuali in famiglia sono la causa diretta dell'inaffidabilità.

In conclusione


Tenere sempre presente che ogni provvedimento amministrativo di questo tipo, per essere fondato e attendibile, richiede una congrua motivazione.

Cosa fare in questi casi


Ricorrere al Tar facendo valere l'eccesso di potere dell'amministrazione a fronte della carenza di istruttoria, illogicità e carenza nella motivazione.


Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

3286090590 francesco.pandolfi66@gmail.com

blog www.pandolfistudiolegale.it
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(10/09/2016 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multa: possibile l'annullamento in autotutela?
» Avvocati: fino a tremila euro per la formazione
» L'assegno sociale
» Tredicesima: a chi spettano i 154 euro in più?
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF