Sei in: Home » Articoli

Attenti al clacson "facile": si rischia una sanzione fino a 168 euro

L'uso del clacson è consentito solo in casi specifici ed eccezionali, con limiti diversi nei centri abitati e in quelli non abitati
uomo che suona clacson alla guida

di Valeria Zeppilli - Molti automobilisti hanno il vizio di sfogare il proprio nervosismo in auto suonando il clacson un po' troppo spesso e dimenticando che, in realtà, l'utilizzo di tale strumento è concesso solo in caso di reale necessità.

L'articolo 156 del codice della strada, infatti, chiarisce espressamente che il clacson può essere utilizzato esclusivamente per fini di sicurezza stradale e con la massima moderazione. La segnalazione acustica, inoltre, deve essere la più breve possibile.

Più precisamente occorre distinguere due casi: quello in cui si stia circolando fuori dai centri abitati da quello in cui si stia circolando all'interno delle città.

Nel primo caso, il nostro ordinamento consente l'utilizzo del clacson ogni volta che le condizioni ambientali o del traffico lo rendano necessario al fine di evitare incidenti, in particolare mentre si è in procinto di eseguire un sorpasso.

Il codice della strada precisa anche che nelle ore notturne o di giorno, in caso di necessità, il predetto fine può essere perseguito azionando a breve intermittenza gli abbaglianti e purché tale operazione non risulti vietata.

All'interno dei centri abitati le cose cambiano e i limiti all'utilizzo del clacson sono ancora più stringenti: le segnalazioni acustiche, infatti, sono vietate salvo i casi di effettivo e immediato pericolo.

Anche in città nelle ore notturne è in alternativa consentito azionare gli abbaglianti a breve intermittenza.

Le conseguenze che si rischia di subire se non si tiene adeguatamente conto di tali disposizioni e si continua ad utilizzare in maniera impropria il clacson (magari solo perché il veicolo fermo al semaforo indugia qualche secondo prima di ripartire) possono essere anche di un certo rilievo: la sanzione amministrativa prevista dal codice della strada per violazione dell'articolo 156, infatti, è quella del pagamento di una somma di importo compreso tra 41 euro e 168 euro.

Senza considerare che in alcuni casi certi automobilisti hanno subito condanne per disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone (cfr. Pretura di Bobbio 8 novembre 1980) e per molestie (cfr. Cassazione penale 23 gennaio 1990) proprio perché utilizzavano il clacson in maniera inappropriata.

Resta in ogni caso "salva" l'ipotesi in cui nel veicolo siano trasportati feriti o ammalati gravi: il codice della strada in una simile evenienza è ovviamente più clemente!

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(15/07/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Autovelox: multe tutte nulle
» Decreto fiscale è legge
» Riforma processo civile: ecco la bozza
» Avvocati: i contributi alla Cassa non sono deducibili!
» Decreto fiscale ่ legge
Newsletter f g+ t in Rss