Sei in: Home » Articoli

Anatocismo: chi agisce in giudizio non può pretendere l'estratto conto dal giudice

Per il tribunale di Padova, il correntista deve ottenere i documenti necessari per la sua pretesa prima di agire in giudizio
interessi usura soldi
di Lucia Izzo - Negato l'ordine di esibizione che il giudice avrebbe dovuto emanare nei confronti della banca, relativamente a contratti ed estratti conto scalari, perché la parte che l'ha richiesto, al fine di rilevare interessi anatocistici o addirittura usurari, non si è in precedenza attivata per ottenere i documenti necessari con gli strumenti ad hoc offerti dal testo unico bancario. 

Il correntista che ora chiede la procedura ex art. 210 c.p.c. avrebbe dovuto richiedere i documenti necessari per far annullare le clausole dei rapporti con l'istituto di credito e, pertanto, la perizia realizzata dal suo esperto di fiducia deve ritenersi compiuta "al buio".
A nulla vale quanto affermato della Cassazione nella sentenza n. 5919/2016 che ha trattato la diversa vicenda dei contratti quadro nel'intermediazione finanziaria.

Lo ha stabilito il Tribunale di Padova, seconda sezione civile, nella sentenza n. 1663/2016, pubblicata il 29 maggio.
Non viene accolta la domanda della società, volta ad ottenere che le clausole dei contratti di apertura di credito, di conto corrente e conto anticipi siano dichiarate nulle a causa della commissione di massimo scoperto.

Per il giudice veneto, non sono condivisibili i principi che la Corte di Cassazione ha affermato nella sentenza 5916/16, che tra l'altro ha riguardato i tango bond e non i contatti bancari.
Il Tribunale evidenzia che non è possibile instaurare una causa senza prima aver letto tutta la documentazione dalla quale scaturisca la presunta la nullità sostenuta nella domanda o addirittura la consumazione di un reato, posto che la società ricorrente sostiene siano presenti interessi usurari.

Nonostante la perizia di parte rappresenti un'allegazione tecnica e non una prova, se è mancata la consultazione dei necessari documenti deve ritenersi che i conteggi depositati in giudizio non rappresentino valori attendibili, poichè è la parte a chiedere al giudice l'ordine di deposito degli estratti conto agli atti.

Troppo tardi, quindi, per il correntista che si è ricordato della procedura offerta dall'art. 119 Tub per ottenere i documenti solo dopo aver fatto redarre le perizie econometriche, pertanto le spese di giudizio restano a suo carico.

(09/06/2016 - Lucia Izzo)
Le più lette:
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il reato di ricettazione
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pecOpposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF