Sei in: Home » Articoli

Presto l'addio al certificato di agibilitÓ

SarÓ sostituito dalla segnalazione certificata. Cambia anche la procedura. Le novitÓ nel decreto competitivitÓ
progetto in 3d che fa vedere tutte le parti di una casa

di Marina Crisafi ľ Presto si potrÓ dire addio al tradizionale certificato di agibilitÓ che sarÓ sostituito dalla segnalazione certificata. ╚ una delle tante novitÓ previste dal c.d. "decreto competitivitÓ", su cui ieri si sono confrontati i vertici di palazzo Chigi e che Ŕ atteso sul tavolo del Consiglio dei Ministri.

Come riportato dal quotidiano ItaliaOggi, a cambiare non sarÓ solo il nome, ovviamente, ma tutta la procedura per ottenere l'agibilitÓ. Eliminato in via definitiva il certificato, che prevede solo un controllo documentale da parte del comune, saranno valorizzati il collaudo statico (che dovrÓ certificare la rispondenza dell'opera alla normativa tecnica) e quello ispettivo sull'opera realizzata.

Il compito di attestare la sicurezza, igiene, salubritÓ e risparmio energetico degli immobili e degli impianti sarÓ affidato al direttore dei lavori ovvero, se non nominato, ad un professionista abilitato.

I controlli seguiranno alla presentazione della Scia attraverso verifiche ispettive sulle opere realizzate che andranno effettuate in base alle modalitÓ stabilite da regioni e comuni. Il tutto uniformerÓ anche la procedura ad oggi sottoposta a regimi differenziati tra le varie regioni.

Ma non solo. Il decreto prevede anche una maggiore trasparenza delle vendite immobiliari, con la pubblicazione a partire dal prossimo anno sul sito dell'agenzia delle Entrate dei dati dei rogiti notarili, fatta eccezione per i nomi delle parti.

Tra le altre novitÓ previste dal decreto, ci sono anche i visti "facili" per i cittadini extracomunitari che vogliono investire in Italia, agevolazioni fiscali per i fondi che investono negli immobili pubblici e credito d'imposta per la ricerca anche per le multinazionali che operano attraverso le societÓ italiane. Diventa strutturale infine il bonus fiscale del 30% per incentivare il rientro dei cervelli in patria.

(01/06/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Il genitore non pu˛ imporre al figlio la sua religione
» Stalking: arriva l'app per raccogliere le prove
» Privacy: da oggi in vigore il Gdpr, ecco la guida per gli avvocati
» Costi occulti nella telefonia mobile: come difendersi?
» Risarcimento vedova: la pensione di reversibilitÓ non si tocca


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss