Sei in: Home » Articoli

Liti tributarie: niente più facili compensazioni per le spese

A seguito delle modifiche apportate dal d.lgs. n. 156/2015, la compensazione può derivare solo da ragioni gravi, eccezionali e espressamente motivate
uomo che digita compensazione su uno schermo
di Valeria Zeppilli - A seguito dell'entrata in vigore del decreto legislativo numero 156/2015, contestuale all'avvento del nuovo anno, oggi le commissioni tributarie non potranno più dichiarare la compensazione delle spese di giudizio così semplicemente come in passato.

Infatti, con l'obiettivo di esonerare il contribuente da spese e oneri gravosi anche in caso di vittoria, la compensazione delle spese di giudizio può essere decisa solo se vi è soccombenza reciproca o, comunque, sussistano ragioni gravi, eccezionali e espressamente motivate.

Più precisamente i casi in cui è ancora possibile compensare le spese nel rito tributario possono essere ricondotti a cinque.

Alla soccombenza reciproca si affianca il caso in cui la causa sia particolarmente complessa e manchi un orientamento giurisprudenziale consolidato in materia.

Un'ulteriore ipotesi in cui il giudice è ancora legittimato a compensare le spese è quella in cui, nonostante il ricorso non sia stato accolto, il contribuente ha comunque tenuto una condotta diligente e ha agito con buona fede in sede sia giudiziale che stragiudiziale.

È possibile compensare, infine, laddove nella materia decisa sussistano pronunce di legittimità contrastanti e non vi sia una prassi interpretativa consolidata e nel caso in cui la dichiarazione di illegittimità dell'atto di accertamento e la sua conseguente nullità derivino da motivi di diritto formali.

Insomma: il contribuente che vinca in giudizio non sarà più costretto ingiustamente a farsi carico delle spese legali per la gestione del contenzioso come troppo spesso avveniva, ma tale evenienza si verificherà solo in ipotesi eccezionali.

Tali ipotesi, però, come accennato potrebbero anche risultare connesse all'atteggiamento del contribuente, al quale è quindi consigliabile, in sede di ricorso, porre l'accento sulla sua buona fede e sul fatto di aver inutilmente tentato di far valere bonariamente le proprie ragioni e sostenere in maniera decisa la vittoria di spese e onorari.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed � dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche � Diritto del lavoro presso l'Universit� 'G. D'Annunzio' di Chieti � Pescara
(06/04/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Il decreto ingiuntivo lo farà l'avvocato?
» Cassazione: bisogna fermarsi sempre allo stop anche a strada libera
» Responsabilit medica: la Cassazione sminuisce le linee-guida
» Sta col padre il figlio che lo rifiuta
» Cassazione: esentasse le cause sotto i 1.000 euro
Newsletter f g+ t in Rss