Sei in: Home » Articoli

Rubare vestiti da suora... fa scattare l'aggravante

La Cassazione si occupa del caso di una finta suora che usava i santini per approcciare le sue vittime
donna vestita da suora con occhiali in una espressione divertente

di Marina Crisafi - Vestita da suora con base logistica a Roma aveva messo a segno numerosi colpi in tutta Italia, approfittando degli abiti indossati e dei "santini" per conquistare la fiducia delle vittime, soprattutto persone anziane, riuscendo così ad entrare nelle loro case e portando via denaro e preziosi. Ad incastrare la finta suora le dichiarazioni delle persone offese e il riconoscimento fotografico dalle stesse effettuato. Per lei si profila la condanna di furto, aggravato dal mezzo fraudolento utilizzato, confermata definitivamente dalla Cassazione (sentenza n. 12963/2016 qui sotto allegata).

Gli Ermellini, concordando con i giudici di merito hanno ritenuto che date le modalità di perpetrazione dei delitti, "tutti posti in essere avvalendosi l'agente di argomenti di natura religiosa per abbordare le sue vittime" secondo uno schema abituale, quasi "rituale" nonché la circostanza che, all'atto del suo arresto, la stessa era stata trovata in possesso, oltre che della refurtiva sottratta anche di numerosi opuscoli religiosi e figurine rappresentanti immagini sacre", non sussistono dubbi sulla responsabilità "schiacciante" dell'imputata.

Logico dunque parlare di furti aggravati e inevitabile la condanna definitiva a 3 anni e 7 mesi di carcere oltre a 500 euro di multa.

Cassazione, sentenza n. 12963/2016
(02/04/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Esami avvocati: vecchie regole per altri 2 anni
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio divorzio breve, arriva la mediazione

Newsletter f g+ t in Rss