Sei in: Home » Articoli

Cassazione: torna in appello la sentenza che tralascia elementi rilevanti ai fini della decisione

Rappresenta violazione delle norme in materia di prove non considerare quanto allegato circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio
cassazione id0

di Valeria Zeppilli – Nel giudicare, i giudici devono tenere conto di tutti gli elementi e le risultanze istruttorie che siano determinanti ai fini della decisione della causa.

Altrimenti la sentenza va cassata per insufficiente motivazione.

Si guardi, ad esempio, alla pronuncia numero 5620/2016, depositata dalla terza sezione civile della Corte di cassazione il 22 marzo (qui sotto allegata).

Tra le questioni analizzate in tale sede dai giudici vi era il ricorso incidentale proposto da una banca avverso la sentenza con la quale il giudice del merito aveva omesso di considerare le prove fornite dall'istituto di credito circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio, violando così le norme di diritto in materia di prove senza dare a riguardo alcuna motivazione.

Più nel dettaglio, la Corte territoriale aveva ritenuto che la banca avesse fornito solo la prova del fallimento del suo debitore senza invece provare la propria incapienza effettiva o altamente probabile quale creditore degradato a chirografario in forza della cancellazione delle ipoteche.

Così facendo, però, non aveva effettivamente tenuto conto delle risultanze istruttorie e processuali evidenziate dall'istituto di credito e indubbiamente rilevanti per la decisione della causa. Ciò anche ai fini dell'eventuale liquidazione equitativa del danno ai sensi dell'articolo 1226 del codice civile, la cui omissione era pure oggetto di ricorso incidentale.

Sotto tale aspetto, quindi, per i giudici di legittimità la sentenza della Corte d'appello va cassata con rinvio a una diversa composizione.

Corte di cassazione testo sentenza numero 5620/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(26/03/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Risarcimento danno parentale: Cassazione, spetta anche al nipote non convivente
» Bollette luce, acqua e gas prescritte in 2 anni
» Spese straordinarie per i figli: il vademecum
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile
» Gli accordi di separazione consensuale


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF