Sei in: Home » Articoli

Cassazione: è violenza privata impedire alla ex di chiudere la porta

Il requisito della violenza è integrato anche da quella impropria attuata avvalendosi di mezzi anomali idonei ad esercitare una pressione sulla volontà altrui
uomo che impedisce di chiudere la porta
di Valeria Zeppilli – Quando si è immersi in un'accesa discussione bisogna stare particolarmente attenti a non esagerare, anche se si è convinti di non essere tipi violenti. Il rischio di subire una condanna penale, infatti, è dietro l'angolo.

Basti pensare che con la sentenza numero 11914/2016, depositata ieri dalla quinta sezione penale della Corte di Cassazione (qui sotto allegata), è stata confermata l'astratta configurabilità del reato di violenza privata nel comportamento di chi impedisca al proprietario di un appartamento di chiudere la porta di ingresso per mettere fine a una conversazione, frapponendo il piede tra lo stipite e il battente dell'uscio.

Fortunatamente per l'imputato, però, nel caso di specie il reato si era estinto per prescrizione.

I giudici, più nel dettaglio, hanno precisato che in un caso come quello sopra descritto, in cui l'uomo ha cercato di impedire alla ex moglie di chiudere la porta di casa per continuare la discussione sulla vita del figlio, deve ritenersi sussistente nell'agente la consapevolezza di ostacolare la libertà dell'altro soggetto di determinarsi autonomamente.

Oltretutto, non deve dimenticarsi che il requisito della violenza è integrato anche dalla violenza impropria, ovverosia da quella attuata avvalendosi di mezzi anomali idonei ad esercitare una pressione sulla volontà altrui.

Non deve dimenticarsi poi che il dolo richiesto per la configurabilità del reato in questione è quello generico.

Se non fosse stato per il decorso del tempo, quindi, nulla avrebbe salvato l'impulsivo ricorrente da una condanna penale!

Corte di cassazione testo sentenza numero 11914/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(22/03/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» La cambiale - Guida Legale
» Aspettativa non retribuita: cos'è e come si ottiene
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Le diverse tipologie di servitù
» Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli
In evidenza oggi
Cassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessualeCassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessuale
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF