Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati e professionisti: via libera definitivo ai soldi dell'Europa

Confermata nella manovra approvata alla Camera, l'equiparazione dei professionisti alle pmi per l'accesso ai fondi Ue
europa euro crisi soldi

di Marina Crisafi – Porte aperte ad avvocati e liberi professionisti in genere ai fondi dell'Europa. La misura che aveva subito qualche tentennamento, per via di un emendamento presentato al testo del ddl Stabilità nei giorni scorsi (leggi: "Avvocati: addio ai soldi dell'Europa. Dietrofronto sull'accesso ai fondi Ue"), ha trovato conferma nella manovra licenziata da Montecitorio e si avvia al sì definitivo al Senato.

Viene confermata, dunque, nel passaggio alla Camera, la novità introdotta a palazzo Madama che consente l'accesso ai fondi comunitari anche ai liberi professionisti, in quanto equiparati alle piccole medie imprese quali esercenti attività economica dalle norme europee (raccomandazione Ue 2003/361/Ce e regolamento Ue 1303/2013).

In particolare, la misura apre le porte ai fondi rientranti nella programmazione 2014-2020, ossia ai piani operativi Por e Pon del Fondo sociale europeo (Fse) e al Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr), facendo rientrare le categorie dei professionisti tra i destinatari delle risorse comunitarie sia dirette che erogate tramite Stati e Regioni.

Ma non solo.

Nel testo licenziato dalla Camera, vengono confermati anche altri interventi messi in campo per il mondo delle professioni. Tra cui rilevano, il ritocco al rialzo alle deduzioni Irap e le misure ad hoc sull'autonoma organizzazione sui medici convenzionati con strutture ospedaliere, ma soprattutto, le soglie più alte di ricavi per l'accesso al regime forfettario (ossia con imposta sostitutiva al 15%) che da 15mila salgono a 30mila (oltre alla possibilità di sfruttare la tassazione ridotta al 5% per i primi cinque anni per chi avvia un'attività) e il congelamento dell'aliquota contributiva al 27% per gli iscritti alla gestione separata Inps.

(21/12/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilità medica: la prova del danno spetta al paziente
Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocatiGratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF