Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

L'Inps paga i danni da stress al cittadino sollecitato per pagamenti non dovuti

Il comportamento dell'istituto è contrastante con il principio del neminem laedere e con quello di buona amministrazione
Uomo stressato
di Valeria Zeppilli – Ricevere un sollecito di pagamento, per i cittadini onesti, non è mai piacevole. Scoprire che si è dimenticato di pagare qualcosa, involontariamente, crea indubbiamente un certo disappunto a chiunque. 

Se invece si è pagato? Lo stress è addirittura doppio

Lo sa bene un uomo che più volte è stato sollecitato dall'Inps a pagare i contributi per la badante della propria madre, nonostante li avesse già corrisposti, come documentato anche dai bollettini postali inviati successivamente all'istituto.

Ma il cittadino non ci sta e chiede i danni all'Inps. Sì: i danni da stress.

E il giudice di pace di La Spezia, con la sentenza numero 640 del 2015, glieli concede.

Il comportamento dell'Inps, benché non possa di certo configurare un'ipotesi di reato, è stato comunque riconosciuto come contrastante con il principio del neminem laedere di cui all'articolo 2043 del codice civile e con quello di buona amministrazione di cui alla carta costituzionale.

I ripetuti solleciti, per il giudice, hanno infatti superato la soglia della normale tollerabilità.

Insomma, il cittadino ha subito un danno che non può ricondursi ai semplici disagi e fastidi non risarcibili. La somma non è elevata: duecento euro stabiliti in via equitativa. Ma l'assenza di cooperazione e trasparenza nell'operato dell'istituto c'è e va in qualche modo "punita".

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(04/12/2015 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» L'avvocato non può accettare compensi esigui
» Lavori in casa senza permesso: in vigore l'elenco
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Lavori in casa senza permesso: in vigore l'elenco
» RC Auto: al via gli sconti obbligatori


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi