Sei in: Home » Articoli

Cassazione: è adottabile il bambino se la madre ha una personalità istrionica

Nel giungere a questa conclusione, tuttavia, i giudici non hanno omesso di ricordare che la dichiarazione di adottabilità rappresenta una soluzione estrema
bambino triste id8459
di Valeria Zeppilli – Con la sentenza numero 23976/2015, depositata il 24 novembre 2015 (qui sotto allegata), la Cassazione ha stabilito che nel caso in cui una donna abbia una personalità cd. istrionica, il giudice può legittimamente disporre lo stato di adottabilità del figlio. Nonostante il forte attaccamento tra i due.

Nel giungere a questa conclusione, tuttavia, i giudici non hanno omesso di ricordare che la dichiarazione di adottabilità rappresenta una soluzione estrema, ammissibile solo nel caso in cui ogni diverso rimedio non sia idoneo a ripristinare, in tempi compatibili con le esigenze del minore, uno stabile e adeguato contesto familiare.

Laddove, quindi, non sia prevedibile un recupero entro tempi accettabili delle capacità genitoriali, l'accertamento dello stato di abbandono è legittimo e corretto.

In tal senso, ricordano i giudici, si è espressa anche la Corte europea dei iritti dell'uomo, sancendo che l'interesse del bambino, in ragione della natura e gravità della condizione in cui il piccolo si trova, può prevalere su quello del genitore a tenerlo con sé.

Nel caso di specie, alla madre, che ha visto respinto il suo ricorso, era stato diagnosticato, dapprima, un disturbo reattivo dell'attaccamento e, poi, un disturbo di personalità istrionico in associazione ad un funzionamento intellettivo limite.

Nonostante quindi la donna avesse un atteggiamento affettuoso e amorevole verso il figlio, la sua estrema aggressività, più volte manifestata, unitamente ai disturbi della personalità riscontrati hanno indotto la Corte a confermarne la non idoneità a espletare la propria responsabilità genitoriale.

Corte di cassazione testo sentenza numero 23976/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(26/11/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Preavviso di licenziamento e dimissioni: durata, conseguenze e fac-simile
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» Processo civile telematico: attenzione a come si deposita la sentenza impugnata in Cassazione!
» Equo compenso per tutti: avvocati e professionisti
In evidenza oggi
Udienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimoUdienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimo
Addio riparazione per lo stalkingAddio riparazione per lo stalking

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF