Sei in: Home » Articoli

Cartelle mute: l'impugnazione va fatta entro 60 giorni. Lo dice la Cassazione

In assenza di contestazione nei termini, la procedura di riscossione può essere legittimamente avviata
agenzia delle entrate fisco
di Valeria Zeppilli – Con la sentenza numero 18448/2015 depositata il 18 settembre 2015 (qui sotto allegata), la Corte di Cassazione, all'esito di un lungo e dettagliato iter interpretativo, ha sancito che se il contribuente non impugna la c.d. cartella muta entro 60 giorni, questa diventa definitiva

In sostanza non importa che la cartelle di pagamento emesse dal fisco siano prive del nome e della sottoscrizione del funzionario responsabile: in assenza di contestazione nei termini, la procedura di riscossione può essere legittimamente avviata. 

Del resto, secondo quanto chiarito dai giudici, l'ordinamento fiscale costituisce un sottosistema rispetto al diritto amministrativo, con la conseguenza che ad esso non è direttamente applicabile il regime di diritto sostanziale e processuale dei vizi di invalidità dell'atto. 

Ed è proprio da tale rapporto di specie a genere sussistente tra i due ordinamenti che discende la circostanza che le norme amministrative possono essere applicate in materia fiscale solo se non sono derogate o non risultano incompatibili con le norme speciali tributarie

Nel caso di specie osta all'estensione del regime di diritto amministrativo la circostanza che il legislatore fiscale ha ricompreso tutti i vizi idonei ad inficiare la validità dell'atto tributario all'interno della nullità tributaria, con la conseguenza che i provvedimenti del fisco, in difetto di impugnazione da parte del contribuente entro i previsti termini di decadenza, si consolidano anche se viziati da nullità, divenendo definitivi ed esigibili. 

Con buona pace dei contribuenti. 

Corte di cassazione testo sentenza numero 18448/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(21/09/2015 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Risarcimento danno parentale: Cassazione, spetta anche al nipote non convivente
» Bollette luce, acqua e gas prescritte in 2 anni
» Spese straordinarie per i figli: il vademecum
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile
» Gli accordi di separazione consensuale


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF