Sei in: Home » Articoli

L'Inps dichiara guerra alle truffe. Via alla nuova “intelligence” per scovare gli irregolari

Con la circolare n. 147/2015 in allegato l'Inps dà il via alla nuova attività di verifica amministrativa per contrastare truffe ed elusioni contributive
spia spiare spionaggio 007

di Marina Crisafi – Sgravi e agevolazioni irregolari, mancato pagamento dei contributi, conguagli indebiti per malattie e maternità, falsi lavoratori. In una parola il “sommerso” che in questi ultimi anni si è ulteriormente sviluppato a danno della collettività non ha più scampo.

L'Inps, infatti, ha avviato una nuova attività di verifica amministrativa, una sorta di “intelligence” che si propone non solo di contrastare e prevenire le truffe, attraverso una integrazione tra le fasi amministrative e di vigilanza e ispezione vere e proprie, l'utilizzo di nuovi strumenti e il potenziamento di quelli già in essere, anche sotto il profilo dello sviluppo tecnologico.

Il “salto di qualità”, illustrato nella circolare n. 147 del 7 agosto scorso (qui sotto allegata), si baserà innanzitutto sulle nuove metodologie di controllo che andranno a modificare il classico iter di gestione delle informazioni, per poi individuare e bloccare tempestivamente le situazioni di irregolarità.

Accanto alla tradizionale funzione di controllo ex post dei comportamenti dei contribuenti (privati e aziende), saranno sviluppati nuovi presidi, spiega la circolare dell'istituto, diretti non solo a contrastare ma anche a prevenire i fenomeni evasivi ed elusivi della contribuzione, “prima che il comportamento si sia consolidato ed abbia prodotto i suoi danni”.

Qui la circolare n. 147/2015 dell'Inps
(09/08/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Il modello per la comparsa conclusionale
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Regime probatorio: cosa cambia con la legge concorrenza
In evidenza oggi
Cassazione: niente usura sopravvenutaCassazione: niente usura sopravvenuta
Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tantoAffido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF