Sei in: Home » Articoli

L'ammontare dell'assegno da corrispondere all'ex coniuge va ridotto se il marito si rifà una famiglia

La necessità di mantenere due nuove bambine oltre al figlio di primo letto rende troppo onerosa la somma originaria. Cassazione ordinanza 15969/2015
separazione

di Valeria Zeppilli - Se il marito divorziato si rifà una famiglia, l'assegno da versare al figlio avuto durante il primo matrimonio resta immutato.

Egli, però, potrà veder ridotto l'assegno da versare all'ex coniuge.

Secondo il parere della Corte di Cassazione, espresso nell'ordinanza numero 15969 depositata il 29 luglio 2015 (qui sotto allegata), il fatto che l'ex marito debba ora mantenere due nuove bambine oltre al figlio di primo letto, anche se maturo, rende l'ammontare originario dell'assegno troppo gravoso e non più sostenibile.

Poco importa che la somma corrisposta all'ex moglie sia fiscalmente deducibile, né che i guadagni dell'uomo siano superiori rispetto a quanto dallo stesso dichiarato nell'atto di appello: la somma che spetta alla donna è ormai eccessiva alla luce degli oneri gravanti sull'uomo a seguito della nuova situazione familiare e della necessità di continuare a mantenere il primo figlio, universitario e non ancora autonomo, e di farsi carico di tutte le spese straordinarie a questo relative.

Oltretutto la prima moglie è laureata in lettere, è già stata titolare di diversi incarichi di supplenza nella scuola e gode, quindi, di piena capacità lavorativa: la comparazione della situazione economica e reddituale tra le due parti non giustifica più il godimento in capo ad essa dei vecchi benefici.

La donna, quindi, per i giudici della Corte di Cassazione, dovrà rinunciare ad una parte rilevante del suo assegno.

Vedi allegato
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(31/07/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» L'accollo
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Separazioni e divorzi davanti al sindaco
» Rapporto di lavoro: le dimissioni
In evidenza oggi
Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figliRischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli
Avvocati: sanzionato chi cerca incarichi col pretesto delle condoglianzeAvvocati: sanzionato chi cerca incarichi col pretesto delle condoglianze

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF