Sei in: Home » Articoli

Flussi di lavoratori extracomunitari stagionali nel territorio dello Stato per l'anno 2011: on line la procedura per la presentazione delle domande

lavoro
A partire dalle ore 8.00 del 22 marzo 2011 i datori di lavoro interessati possono presentare le richieste di nulla osta per l'assunzione di lavoratori extracomunitari stagionali collegandosi al sito del Ministero dell'Interno. Come previsto dal DPCM del 17 febbraio 2011, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale - serie generale - n. 65 del 21 marzo 2011, è ammesso l'ingresso in Italia di lavoratori extracomunitari stagionali entro la quota di 60.000 unità, da ripartire tra regioni e province autonome con successivo provvedimento del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Nello specifico, la quota di 60.000 unità riguarda: i lavoratori subordinati stagionali non comunitari di Serbia, Montenegro, Bosnia-Herzegovina, Repubblica ex Jugoslava di Macedonia, Repubblica delle Filippine, Kosovo, Croazia, India, Ghana, Pakistan, Bangladesh, Sri Lanka, Ucraina, Gambia, Niger e Nigeria; i lavoratori subordinati stagionali non comunitari di Tunisia, Albania, Marocco, Moldavia ed Egitto che hanno sottoscritto o stanno per sottoscrivere accordi di cooperazione in materia migratoria, nonché i lavoratori non comunitari, cittadini dei Paesi precedentemente indicati, che siano entrati in Italia per prestare lavoro subordinato stagionale per almeno due anni consecutivi e per i quali il datore di lavoro presenti richiesta di nulla osta pluriennale per lavoro subordinato stagionale. Le domande dovranno essere presentate dai datori di lavoro entro le ore 24 del 31 dicembre 2011.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/03/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF