Sei in: Home » Articoli

Maltratta la mula, condannato a risarcire la Lav - associazione in difesa degli animali

Una storia curiosa questa che fa riflettere da un lato sul fatto positivo della considerazione che i tribunali iniziano a dare agli animali, dall'altro su fatto che la giurisprudenza è in continuo fermento e che l'evoluzione dell'idea di giustizia segue il passo della sensibilità sociale. I fatti si svolgono a Palermo, dove il tribunale ha condannato un uomo (con sospensione della pena) a due anni di carcere per avere maltrattato una mula. Secondo testimoni, l'uomo utilizzava la mula per trasportare frutta al mercato, ma un giorno, durante il tragitto la mula svenne, forse per la stanchezza, e cadde a terra; l'uomo pare che abbia reagito con percosse verso l'animale.
Il tribunale di Palermo ha riconosciuto l'uomo colpevole e lo ha anche condannato a risarcire il danno alla Lav, associazione in difesa degli animali. Soddisfazione dell'associazione animalista, che ha considerato la sentenza una vittoria, sconfessando i risultati del veterinario, che aveva sottovalutato il caso, dichiarando non gravi le percosse e il cui giudizio medico aveva impedito il sequestro della mula da parte delle forze dell'ordine.
(02/02/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Addio ai voucher, arriva il lavoro breve e intermittente liberalizzato
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Caduta per la strada: quando si può parlare di insidia
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
» Asili nido: al via il bonus di mille euro
In evidenza oggi
Anche il rinfacciare alla compagna di non essere vergine può integrare il reato di maltrattamenti in famigliaAnche il rinfacciare alla compagna di non essere vergine può integrare il reato di maltrattamenti in famiglia
Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in EuropaAvvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF