Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: il condominio deve tutelare la privacy dei morosi!

casa condominio
Italiani, popolo di santi, navigatori e poeti, e di condomini litigiosi; questo ci dicono i dati della giustizia civile, ma soprattutto ci suggerisce l'esperienza quotidiana. Adesso, il popolo dei condomini troverà un altro motivo per regolare i conti davanti a un giudice, perché la seconda sezione civile della Cassazione (sentenza n.186/2011) ha stabilito che anche il condominio dovrà adeguarsi in materia di tutela della privacy. Ricordate quelle imbarazzanti affissioni negli spazi comuni condominiali delle posizioni debitorie di ciascun condomino? D'ora in avanti bisognerà dire addio a tali pratiche di gogna! La Cassazione ha, infatti, accolto il ricorso di un condomino moroso napoletano, che aveva citato il condominio per danni, a causa dell'affissione della sua posizione debitoria nell'androne del palazzo. La Cassazione, pur riconoscendo il diritto degli altri condomini a conoscere le posizioni altrui, in materia di debiti verso il condominio, ha sancito il divieto di affiggere in tale modo le posizioni di ciascuno in spazi comuni, poiché esposte all'attenzione indiscriminata di soggetti anche non coinvolti. Per questo, è stato finalmente stabilito il principio per cui anche il condominio, in materia di privacy, dovrà adeguarsi alla legislazione che tutela i dati personali e sensibili.
(17/01/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolarlo online e il calcolo manuale
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
In evidenza oggi
Contratti luce: se il consenso del cliente è "estorto" si torna al vecchio fornitoreContratti luce: se il consenso del cliente è "estorto" si torna al vecchio fornitore
Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causaStrisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF