Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'ex marito deve mantenere il figlio precario anche se non vive più con la madre

sentenza martello giustizia
I figli economicamente indipendenti vanno mantenuti. Tale impostazione giurisprudenziale viene confermata dall'ennesima sentenza della Corte di Cassazione (la sentenza n. 18 del 3 gennaio scorso) con cui gli Ermellini hanno stabilito che l'ex marito è tenuto a conferire l'assegno di mantenimento all'ex moglie in favore del figlio anche se lo stesso non vive più con la madre. Secondo quanto si apprende dalla vicenda, l'ex marito corrispondeva 400 euro mensili in favore della figlia, la quale non viveva più con la madre e faceva solo lavoretti saltuari che in ogni caso non gli permettevano di essere indipendente.
L'uomo aveva così proposto ricorso eccependo la necessità di riduzione dell'assegno di mantenimento in favore della moglie dal momento che la figlia non viveva più con la madre. La Corte, consolidando quindi questa impostazione, ha motivato il rigetto del ricorso dell'uomo, adeguandosi alla decisione di merito in cui era stato affermato che l'attività lavorativa “modesta” svolta dalla figlia non gli avrebbe permesso di essere economicamente indipendente.
(05/01/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF