Sei in: Home » Articoli

Cassazione: notizie non vere? Il diritto di rettifica non è a discrezione del direttore di un mezzo di informazione

rassegna giornali stampa
In caso di pubblicazione di notizie non vere o che l'interessato ritiene "lesive dei propri diritti all'onore" il diritto di rettifica deve prevalere e non e' rimesso alla "discrezionale valutazione del direttore del mezzo di informazione". Lo ha stabilito la Corte di Cassazione spiegando che tale diritto "deve avere corso in tutti i casi in cui ne ricorrano i presupposti". La decisione fa riferimento al caso di un titolare di una casa di cura nei cui confronti era stata disposta la custodia cautelare in carcere con l'accusa di concussione. Il procedimento era stato poi archiviato ma durante l'inchiesta un quotidiano aveva dato notizia dei vari sviluppi giudiziari, negando la successiva richiesta di rettifica perchè anche se il procedimento penale era stato archiviato i fatti di cui si era dato notizia erano realmente avvenuti. Secondo la Cassazione (sentenza n.23835 della Terza sezione civile) "l'accertata liceita' della pubblicazione della notizia di cui si chiede la rettifica non fa venire meno l'obbligo di pubblicare la rettifica dell'interessato dovendo la verita' reale prevalere su quella putativa". Nei primi due gradi di giudizio il quotidiano aveva avuto ragione perchè secondo i giudici di merito "le pubblicazioni che si chiedeva di rettificare erano lecitamente avvenute".
Altre informazioni su questa sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/11/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF