Sei in: Home » Articoli

Cassazione: e' 'spiato' anche chi non e' in casa. foto intime alla moglie, il marito puo' fare denuncia

E' spiato anche chi non e' in casa. Puo' sembrare un paradosso ma, per la Cassazione, le immagini scattate di nascosto all'interno di un'abitazione ledono la privacy di ogni componente, anche di quelli che sono assenti al momento dei fatti. Ecco perche' anche chi non e' spiato puo' legittimamente presentare querela. Per questo motivo la Suprema Corte ha accolto il ricorso del pg presso il Tribunale di Termini Imerese che si era opposto all'assoluzione di due persone dal reato di "interferenze illecite nella vita privata" (art. 615 bis c.p. prevede la reclusione da sei mesi a quattro anni) che dall'esterno avevano scattato fotografie intime a Maria Elisa M. nella sua abitazione mentre il marito Antonio D. non era in casa.
L'assoluzione dipendeva dal fatto che per i giudici di merito la denuncia fatta dal consorte assente non era valida. Per la Suprema Corte, invece, la "tutela alla riservatezza" non vale soltanto per il "soggetto direttamente attinto dall'illecita intrusione, quale e' quello che si sia fatto immediato oggetto dell'abusiva captazione o venga immediatamente coinvolto dal fatto diffusivo delle immagini o notizie", ma per "chiunque, nel luogo violato, compia abitualmente atti della vita privata che alle stesse si ricolleghino si' da ricomporre un unitario quadro rappresentativo di un'area riservata e preclusa alle indebite intrusioni 'ab externo' idonee a scalfirlo".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/04/2003 - Adnkronos)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF