Sei in: Home » Articoli

Vandalismi, persecuzioni, crimini dei soggetti 'borderline'

     Trasgrediscono allegramente le leggi i soggetti borderline il cui numero non è stato mai del tutto definito statisticamente dalle ASL rispetto agli abitanti di un paese o di una regione; in base ad alcuni indicatori, attualmente emergenti dalle cronache giornalistiche e dal numero crescente delle querele per alcuni reati e vandalismi e crimini, il numero appare percentualmente alto.
     La descrizione psicologico-giuridico dei "borderline" ha subito negli ultimi anni varie puntualizzazioni  e chiarimenti, cosicché alla fine si è delineato un quadro clinico dai contorni più precisi. Negli anni 60 si riteneva che fosse un disturbo della personalità dovuto ad un'instabilità del carattere, magari sopravvenuto in seguito alla scadente educazione ricevuta nell'ambiente familiare, ma con più approfondite indagini si arriva ad ipotizzate, oggi, con sufficiente certezza, attraverso molteplici prove e test, che l'intelligenza di questi soggetti risulta "sul filo del rasoio o sulla linea di bordo", appena sufficiente e, quel che è peggio, "si accende e si spegne" come una luce fioca "che va e viene".
     La nostra società è libera, garantista, accogliente ed integrante pertanto l'attuale normativa sociosanitaria non prevede il censimento delle persone "borderline" anche se spesso sono segnalate dagli insegnanti di sostegno perchè presentando aspetti comportamentali al confine tra normalità ed anormalità. Quindi passano generalmente inosservate, sembrando, all'apparenza morfologica, del tutto normali. In famiglia vengono ritenute sane, ma soltanto svogliate, superficiali, scanzonate, disordinate, distratte, amanti delle compagnie divertanti e poco impegnative. In alcuni casi i maschi vestono in maniera trasandata e bizzarra e le femmine risultano scomposte.
     Oggi con strumenti di laboratorio sofisticati si evidenziano alcuni aspetti funzionali dell'encefalo riconducibili alla suddetta patologia, ma si rimane incerti sulle origini del disturbo borderline della personalità, soprattutto perché le possibili cause non sono del tutto ancora note.
     Si ipotizzano cause prenatali di natura genetica o risalenti a problemi immunitari, virali, neurochimici, intolleranze alimentari o alcolismo dei genitori.
Il soggetto borderline già alla nascita presenta alcuni comportamenti psicosomatici scoordinati, connessi alle carenze intellettive anche se non molto evidenti, poi durante la frequenza delle scuole d'infanzia e medie appare agli insegnanti con tutte le sue limitazioni intellettive: distrazione abituale, incapacità di attenzione e concentrazione prolungate, difficoltà apprenditive, svogliatezza, imprecisione, trascuratezza, propensione al bullismo.
Il carattere borderline manifesta anche alcuni aspetti positivi quali il sorriso, la socievolezza di base e l'allegria, e proprio per questo i genitori più sprovveduti sono pronti a scommettere sulla perfetta integrità psichica ed a difenderne gli aspetti comportamentali.
     Ma dietro questa facciata attraente si nasconde una grave instabilità emotiva, la mancanza di progetti personali ordinati, la paura vera o presunta di rimanere soli (che provoca gravi reazioni con episodi criminali passionali ed autolesionismo), una conoscenza molto superficiale degli obiettivi, delle necessità, dei compiti personali, familiari e sociali. La vita viene vissuta senza una sufficiente coscienza del passato, del presente e del futuro.  I soggetti borderline, anche se nel pieno dei 18 – 20 anni, trascorrono buon parte della giornata girovagando, trastullandosi con oggettini spesso insignificanti, guardando gli altri che lavorano come se fossero attori in uno spettacolo divertente. Perciò a volte guardano estasiati il montaggio e lo smontaggio dei cantieri edilizi, gli scavi o i luoghi degli incidenti e vi restano per ore, incantati; spesso infischiandosene dei cartelli di avvertimento tentano anche di rimuovere le protezioni o scardinano le transenne senza uno scopo preciso.
      Imbrattano con scritte ingiuriose, mutilano statuette nascondendosi nel buio e sporcano ogni muro bianco. Rovinano monumenti ed esposizioni artistiche a portata di mano, fanno scorribande chiassose e fragorose esibendosi senza scopo.
I soggetti "borderline" nella generalità dei casi non sono a conoscenza delle loro limitazioni intellettive, perché non hanno la capacità di discernere i procedimenti utili da quelli inutili, però riescono a capire per sommi capi i danni che fanno e li ritengono necessari per diventare importanti. Con questa logica ridono e si compiacciono dei danni arrecati. E per questo sono più pericolosi dei deficienti gravi, avendo la possibilità di usare una modesta dote intellettiva per aggregarsi in branco e fare il massimo dei danni possibili agli altri, tanto per scherzare a modo borderline.
     Nella descrizione generica di questi soggetti occorre ricordare principalmente che essi non sono capaci di risolvere problemi complessi  ed allora per appagare i loro desideri diventano ossessivi nei confronti delle persone più prossime fino a giungere alla persecuzione (stalking) con iniziative pericolose e criminali che poi giustificano in maniera bambinesca.
     In alcune aree geografiche degradate, con alcolismo endemico, il numero dei soggetti borderline è sorprendentemente elevato, tanto è vero che è facile anche per i non esperti di psicologia osservarne persino gruppi, in genere di pari età, che con atteggiamento allegro e scanzonato, ma non provocante né minaccioso, si aggirano nei pressi delle fiere, delle sagre, delle feste di paese, nelle sale di attesa, sotto i portici, nelle aree condominiali, nei parchi pubblici, nei parcheggi degli ipermercati, davanti ai circoli di ritrovo, nelle ore più impensate, magari  scalciando pietre o bottiglie di plastica, agitando asticelle di legno o indumenti, in cerca di improbabili passatempi.
     Hanno una bassa scolarità, alcuni già  dopo le terza media non resistono più  tra i banchi alle superiori. Non ce la fanno a continuare gli studi, sono disordinati e vengono reclutati da qualche conoscente più  furbo che li fa diventare gregari del suo branco. Graffiano i muri, lanciano pietre senza uno scopo, perché cercano inutilmente di avere un loro utilità ed una propria identità. Sono sempre a corto di idee a tutte le età. Escono di casa in cerca di amici per trovare uno scopo o un passatempo, ma finiscono per incontrarsi solo con altri borderline di pari livello intellettivo e si trastullano nei modi più strani ed impensati e poi stanchi e sciatti ritornano a casa senza un'idea per il domani.
   Spesso già a tredici – quattordici anni diventano evasori dell'obbligo scolastico, però rimangono psicologicamente attratti dalle mura scolastiche, ritenute un luogo di gioco e di ritrovo per gli amici, pertanto spesso di sabato e di domenica scavalcano i muri e vi si recano a giocare ed a vandalizzare i locali, quando ne hanno il tempo. Ai borderline piace la vita giocosa di gruppo, perché vi trovano compagnia, consenso, sostegno, spensieratezza, assenza di responsabilità personale, assenza di impegno rispetto ai doveri imposti dalla propria famiglia.

     Col passare degli anni i borderline, frequentando un gruppo fisso, si procurano i soldi, talvolta elemosinandoli in famiglia, per acquistare i biglietti e si recano tutti insieme a visionare spettacoli o partite di calcio, con risultati catastrofici. Non seguono lo spettacolo, la rappresentazione o la partita di calcio, ma gridano, si spintonano, mangiano, fumano, lanciano oggetti e fanno di tutto per farsi espellere e per ridere in faccia ai buttafuori. Quando vengono arrestati il loro legale invoca varie attenuanti, (giovane età, bassa scolarità, cause ambientali), ma non sempre viene ascoltato, perché essi non sono considerati persone diversamente abili.
     Nel gruppo misto i borderline conoscono persone dell'altro sesso e provano delle pulsioni fisiche ossessive che eventualmente sfociano anche in una vita matrimoniale o di coppia stabile. Le modalità della convivenza matrimoniale però non riducono la passione per la frequentazione del gruppo di amici che è sempre tutt'uno con la coppia. Ne deriva una vita matrimoniale promiscua, allegra, ma povera di mezzi, che sconfina nell'intimità amicale del gruppo borderline, fino a confondersi con esso. Il borderline ha paura di rimanere solo con sua moglie, perché gli mancano le idee, i progetti e la conoscenza delle responsabilità. Spesso tale convivenza matrimoniale, allargata ai propri parenti ed alle frequentazioni amicali diventa "multi-partneriale". La coppia talvolta si scompone e si ricompone negli anni con lo scambio dei ruoli dei protagonisti del gruppo, pertanto spesso nascono delle incomprensioni che sfociano in vere e proprie tragedie in danno del partner più debole e dei figli. Non mancano episodi dagli esiti imprevedibili con conseguenze gravissime anche quando essi urtano, con la loro dabbenaggine sconsiderata, la suscettibilità di criminali che hanno il dominio sul territorio.
     Nel corso della vita i borderline vengono purtroppo anche utilizzati  e spesso sfruttati in lavori che richiedono poco ingegno e mal remunerati, pertanto non hanno occasioni per migliorare il loro stato. Vivono in maniera succube ed incredibilmente non risentono della loro condizione perchè la loro psiche, a parte il terrore di rimanere soli, elabora in continuazione quasi ossessivamente soltanto i ricordi dei divertimenti bambineschi, veri e presunti, legati a esibizioni scalmanate e corali di massa, come il correre, spingere, travolgere, martoriare, gridare, strombazzare, lampeggiare, rompere, rumoreggiare, attirare l'attenzione e ridere.
     Durante gli ultimi dieci anni a Washington, New York, Cambridge, Milano, - tanto per citare alcune sedi scientifiche -, gli studiosi dello sviluppo neurologico dei meccanismi alla base dei disordini psicologici- psichiatrici della personalità hanno individuato e studiato le caratteristiche di persone, dall'apparenza comune con caratteristiche borderline pervasive che potenzialmente possono commettere intemperanze, vandalismi, e reagire con persecuzioni e crimini passionali in alcune situazioni.
     Hanno visto che i borderline  presentano un vuoto interiore, una propensione alla noia,  una ricerca assillante di un obiettivo e quando percepiscono un rifiuto da una persona prossima manifestano una forte paura di essere abbandonati e perciò sviluppano una rabbia esagerata nell'imminenza di una separazione o della negazione di un beneficio. Non sanno affrontare in maniera resiliente nemmeno una piccola separazione imposta dalle necessità o un cambiamento inevitabile di un vecchio progetto. Hanno notato che i tratti caratteristici più pericolosi sono rappresentati dall'incapacità di vivere da soli, instabilità degli obiettivi, delle passioni, delle relazioni, dell'umore, dell'immagine personale, del comportamento benevolo o punitivo nei confronti del prossimo necessario a soddisfare le proprie aspettative e necessità.
     Hanno evidenziato che quando si fidanzano, sono presi esageratamente dall'enfasi dell'evento  e cercano di condividere col l'altra o con l'altro esperienze molto intime e minuziose, precorrendo i tempi in maniera assillante ed ansiogena, senza permettere al partner la benché minima disattenzione o trascuratezza nei loro confronti.
     Non appena percepiscono un rifiuto dalla persona idealizzata si ritengono svalutati nella loro esistenza, offesi e minacciati di abbandono, manifestano subito sintomi neuropsichiatrici comprendono irrequietezza cambiamenti di umore e di comportamento; pertanto giustificano progetti di vendetta e reazioni criminali passionali anche automutilanti e suicidarie. Si danno ad esperienze spericolate, estreme e senza precauzioni; abusano irresponsabilmente di se stessi e degli altri esagerano nel mangiare, nel bere, nella guida, provano ansia commista a paura e disperazione e  non si curano del dolore fisico.
     Gli psicologi oggi affrontano con grandi difficoltà  cliniche la terapia dei soggetti borderline, principalmente se l'intervento è richiesto nell'età adulta, cioè dopo che sia avvenuto il consolidamento della personalità e dei legami relazionali. L'intervento nelle condizioni patologiche, diretto a modulare l'ansia, la fobia, la depressione è complesso e non può prescindere dall'intervento neuropsichiatrico, perciò parte col rimuovere ove possibile le cause ansiogene, agendo anche sul gruppo familiare, stimolando nuove percezioni gratificanti ed orientando il soggetto, nell'immediato, verso condotte meno impulsive nel contesto familiare, lavorativo e sociale.
      Prof. Gennaro Iasevoli
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/07/2010 - Prof. Gennaro Iasevoli)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF