Sei in: Home » Articoli

Automobilista espone fotocopia certificato per parcheggio disabili? Non si configura reato

Se l'automobilista espone una fotocopia del certificato del permesso di parcheggio per invalidi al posto del certificato originale, non commette un reato: parola di Cassazione. Lo ha stabilito, in particolare, la quinta sezione penale con la sentenza n. 22578, depositata l'11 giugno 2010, annullando senza rinvio una sentenza perché il reato di uso di atto falso non si sarebbe consumato. Secondo la Corte infatti non si sarebbe trattato di un atto falso ma di una semplice fotocopia che in quanto tale non ha la natura di contraffazione ne di falsificazione dell'atto. Pertanto non si pone in essere violazione dell'art. 489 del codice penale “per la sua evidente inidoneità a simulare sostitutivamente l'atto originale.
Nel caso di specie infatti l'attenzione del vigile che aveva rilevato il fatto, erta stata attirata proprio dalla singolarità del'uso, in luogo dell'originale, di una fotocopia che palesemente si mostrava come tale. Conclusivamente, l'allestimento di una fotocopia in bianco e nero di un permesso di parcheggio per invalidi, che mostri palesemente la sua natura di fotocopia, ed il suo uso per l'occupazione di un parcheggio riservato da parte di un soggetto non legittimato, non costituisce il reato di uso di atto falso.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(30/06/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF