Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Notifica in proprio consentita all'avvocato anche il giorno di scadenza

Rivoluzionaria la pronuncia del Consiglio di Stato n░2055 del 13 aprile 2010 che sovverte la restrittiva opinione del Tar Piemonte: gli avvocati a ci˛ autorizzati dal Consiglio dell'Ordine di appartenenza possono notificare gli atti anche l'ultimo giorno di scadenza giovandosi del principio generale della scissione degli effetti notificante-destinatario affermato dalla storica sentenza della Consulta n░477 del 26 novembre 2002. Va ricordato che la Legge n░53 del 1994 permette agli avvocati di notificare propri atti giudiziari a mezzo del servizio postale istituendo particolari registri e buste ed apponendo una peculiare relazione di notificazione, munita di cronologico e quant'altro, rispettando le formalitÓ normativamente imposte. Opinando in modo difforme gli effetti della notifica si produrrebbero soltanto con l'arrivo a destinazione del plico o con equipollente conoscenza legale dell'atto. Inutile sottolineare la comoditÓ del sistema, che svincola il legale dalle file avanti agli Uffici UNEP in orari contingentati; peccato che tale confort venga ridimensionato dalla chiusura pomeridiana di molti uffici postali. Ad ogni modo, per miglior chiarezza espositiva si scorra il testo dell'Art. 149 del Codice di Procedura Civile, intitolato "notificazione a mezzo del servizio postale", nella versione che ha recepito la fondamentale deliberazione della Corte Costituzionale. Il Consiglio di Stato ha adoperato i principi affermati dalla storica sentenza operando un'equiparazione tra la consegna alle poste a cura dell'avvocato e quella, del tutto conforme, eseguita dall'Ufficiale Giudiziario. Ma se l'avvocato si dimentica di apporre il numero di registro cronologico la notifica Ŕ valida? L'inosservanza dei requisiti previsti tassativamente dalla legge provoca la nullitÓ o l'inesistenza della notifica? E se il legale non fosse munito della necessaria autorizzazione del proprio COA? Problemi ogni giorno sul tavoli di noi avvocati al punto che si potrebbe cominciare a discutere di un vero e proprio Diritto delle Notificazioni, materia magmatica in perenne moto.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/05/2010 - Avv. Paolo M. Storani)
Scrivi all'Avv. Paolo Storani
(Per la rubrica "Posta e Risposta")
» Lascia un commento in questa pagina
Avv. Paolo M. Storani
Civilista e penalista, dedito in particolare
alla materia della responsabilitÓ civile
Rubrica Diritti e Parole di Paolo Storani   Diritti e Parole
   Paolo Storani
Le pi¨ lette:
» Diritto all'indennitÓ di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF