Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Preside rispetti insegnanti. Stop alle mortificazioni ai prof

Il Preside deve rispettare gli insegnanti e non può permettersi di utilizzare espressioni che ne mortificano la dignità. Questa volta una vera e propria tirata d'orecchie ai dirigenti scolastici arriva dalla Corte di Cassazione che ha detto stop a certi atteggiamenti assunti nei confronti dei prof. Secondo la Cassazione (sentenza 21/2010) non si può invocare lo 'ius corrigendi' se, nel riprendere un insegnante, si fa ricorso ad "espressioni che trascendono i limiti della correttezza o siano foriere di tratti destinati a mortificare la dignita' e il rispetto della dignita' umana". Con questa motivazione è stata confermata una condanna per minaccia inflitta ad un preside che nel riprendere una insegnante le aveva detto "la faro' piangere tutta la vita". Queste parole secondo gli Ermellini "attestano la volonta' di turbare la liberta' psichica della professoressa, limitandone la liberta' morale".
Altre informazioni su questa sentenza
(09/01/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Addio ai voucher, arriva il lavoro breve e intermittente liberalizzato
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Caduta per la strada: quando si può parlare di insidia
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
» Asili nido: al via il bonus di mille euro
In evidenza oggi
Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causaStrisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuitiAvvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF