Sei in: Home » Articoli

Lavoro saltuario: nozione e obbligo contributivo

La Cassazione (sent. 22650/2009), precisando che il lavoro saltuario s'intende prestato in via continuativa quando ricorrono le seguenti condizioni : che sia stato svolto in un periodo intermedio prima e dopo del quale la prestazione di lavoro è continuativa; che sia di contenuto generico, che il datore di lavoro non fornisca la prova che la prestazione lavorativa, intermedia e generica, sia stata effettivamente saltuaria, sostiene che in tal caso anche il lavoro saltuario è assoggettato alla stessa contribuzione previdenziale del lavoro continuativo. Tale sentenza porta all'attenzione alcune forme di evasione contributiva largamente diffusa, specialmente in alcuni settori economici come edilizia, pubblici esercizi e ristorazione.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/01/2010 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionaliRisarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF