Sei in: Home » Articoli

Lavoro saltuario: nozione e obbligo contributivo

La Cassazione (sent. 22650/2009), precisando che il lavoro saltuario s'intende prestato in via continuativa quando ricorrono le seguenti condizioni : che sia stato svolto in un periodo intermedio prima e dopo del quale la prestazione di lavoro Ŕ continuativa; che sia di contenuto generico, che il datore di lavoro non fornisca la prova che la prestazione lavorativa, intermedia e generica, sia stata effettivamente saltuaria, sostiene che in tal caso anche il lavoro saltuario Ŕ assoggettato alla stessa contribuzione previdenziale del lavoro continuativo. Tale sentenza porta all'attenzione alcune forme di evasione contributiva largamente diffusa, specialmente in alcuni settori economici come edilizia, pubblici esercizi e ristorazione.
(08/01/2010 - Francesca Bertinelli)
Le pi¨ lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilitÓ medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi Ŕ ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Equo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorieEquo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorie
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF