Sei in: Home » Articoli

Cassazione: vanno rispettate le 'Iene'. Piena condanna contro chi le aggredisce

Le "Iene" vincono in cassazione. Una sentenza della seconda sezione penale della Corte (sentenza n. 47686 /2009) ha infatti confermato una condanna ad un anno e cinque mesi di reclusione nonché la condanna alla multa di € 500 per rapina e lesioni nei confronti di un panettiere ischitano che circa tre anni fa, nel corso di un'inchiesta condotta dalle Iene sugli aborti clandestini si era reso protagonista di una vera e propria aggressione. Le iene aggredite erano state ferite davanti allo studio di un ginecologo. L'inchiesta riguardava i 'Medici obiettori in ospedale, abortisti nei loro studi' e sfociò in un'aggressione ai giornalisti del programma di Italia Uno. A scatenare la reazione violenta era stato il tentativo dei giornalisti di intervistare un ginecologo. L'uomo che ora è stato condannato in via definitiva dalla corte era intervenuto cercando di impedire ai giornalisti di fare l'intervista.
Ne era seguita una vivace discussione durante la quale il panettiere passava le mani procurando lesioni ai due giornalisti e sottraendo la telecamera che aveva ripreso la scena.
Altre informazioni su questo argomento
(18/12/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Licenziamento anche per l'assenza di pochi minutiLicenziamento anche per l'assenza di pochi minuti
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF