Sei in: Home » Articoli

Malasanità? Per movimento consumatori non è solo colpa dei medici

La responsabile dell'Osservatorio Farmaci & Salute del Movimento consumatori (Rossella Miracapillo) ha affermato in una nota che nei casi di cosiddetta malasanita' "i medici indagati non sono i soli responsabili". Di solito, spiega Miracapillo, si punisce il medico, ma il camice bianco "e' espressione di un sistema". Per questo "e' necessario andare oltre la responsabilita' del singolo". La Miracapillo punta dunque il dito contro strutture fatiscenti, personale ridotto a causa delle ferie estive che "sono alla base di valutazioni superficiali dei malati che percio' si trovano piu' esposti al rischio di esiti fatali". Tutto questo sembrerebbe frutto di una cronca mancanza di risorse ma, secondo il movimento consumatori, "le risorse per la gestione del sistema sanitario in Italia ci sono, eccome". Il problema è dunque legato alla gestione di queste risorse economiche "quasi mai sono persone davvero competenti del settore, capaci di valutare le necessita' reali delle strutture". Secondo Miracapillo "le morti della Calabria e della Sicilia sono solo la punta dell'iceberg di un sistema che ha come impostazione dominante il lato economico delle Asl, dimentiche della missione di cura delle malattie e miglioramento delle aspettative di vita delle persone".
Altre informazioni su questo argomento
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/08/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF