Sei in: Home » Articoli

Evasione Fiscale: Italia prima in Europa

“L'evasione fiscale è diventato lo sport più praticato dagli italiani a tal punto che lo stiamo esportando all'estero”. A dirlo è il presidente dell' Associazione Contribuenti Italiani, Vittorio Carlomagno, a commento della classifica che vede l'Italia protagonista al negativo in Europa in tema di evasione fiscale. Sarebbe del 51% infatti la percentuale di evasione fiscale nel nostro Paese che permetterebbe quindi all'Italia di classificarsi al primo posto in Europa per reddito non dichiarato. Al secondo posto di questa negativa classifica l'Italia è seguita dalla Romania, con quasi il 43% circa di reddito imponibile non dichiarato. Di seguito, Bulgaria (39,2%), Estonia (37,6%), Slovacchia (34,1%). L'Associazione mete in luce poi le categorie principalmente implicate nel processo di evasione fiscale: al primo posto ci sarebbero gli industriali, seguiti da bancari, assicurativi e commercianti.
Chiudono i professionisti e, per ovvie ragioni, i lavoratori dipendenti. Per quanto riguarda poi la distribuzione geografica del fenomeno, ritroviamo in cima alla lista il meridione, con il 29,4% seguito, con una percentuale non troppo lontana dalle cifre messe in luce al sud, dal Nord Ovest (28%) e dal Centro. Con il 20% di evasione circa, abbiamo infine il Nord-Est. “Per combattere l'evasione fiscale – conclude il Presidente Vittorio Carlomagno - bisogna archiviare al più presto e per sempre la stagione degli scudi fiscali e dei condoni che favoriscono i grandi evasori, procedere all'integrazione delle banche dati, aggiornare lo strumento del redditometro che risale al 1992, riformare gli studi di settore applicandoli alle grandi imprese e riformare la riscossione dei tributi che in Italia ha tempi biblici e non funziona”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/08/2009 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF