Sei in: Home » Articoli

Cassazione: stop all'assegno divorzile se si arriva a un livello economico di parità. Anche se non si garantisce tenore di vita precedente

Se è vero che generalmente il mantenimento e l'assegno divorzile vengono determinati cercando di garantire alla parte economicamente più debole la possibilità di mantenere il tenore di vita avuto in costanza di matrimonio è anche vero che, in caso di separazione o di divorzio, non sempre questo risulta possibile. Può accadere infatti che garantendo a una parte il tenore di vita precedente l'altra parte si trovi ad essere estremamente penalizzata. E' necessario quindi stabilire un equilibrio e garantire un livello paritario. Una sentenza della Corte di Cassazione (la n. n16800/2009) sembrerebbe aver preso in considerazione questa esigenza di equilibrio affermando, in materia di divorzio, che l'ex coniuge che utilizza il t.f.r. per integrare il minor reddito percepito in seguito al pensionamento non è più tenuto al versamento dell'assegno divorzile.
Nel caso esaminato dalla Corte il coniuge obbligato a versare l'assegno aveva smesso di lavorare e la situazione economica e patrimoniale delle parti era arrivata a un livello di sostanziale parità. Nessuno dei due però poteva più permettersi il tenore di vita goduto durante la loro convivenza.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/08/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF