Sei in: Home » Articoli

Privacy: in albergo? Non è lecito informarsi sui gusti dei clienti

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter del 21 marzo 2008) ha reso noto di aver stabilito che le catene alberghiere che raccolgono via web informazioni circa gli usi e le preferenze dei propri clienti per uso marketing, debbono ottenere preventivamente il consenso specifico del cliente.
Più in particolare, l'Autorità ha stabilito che per le finalità di marketing e di promozione commerciale, la richiesta di consenso, deve essere chiaramente distinta dal resto della scheda normalmente utilizzata per la raccolta dei dati ai fini della fornitura del semplice servizio alberghiero.
Il Garante ha quindi chiarito di aver vietato a una catena alberghiera il trattamento dei dati raccolti illecitamente mediante il proprio sito.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/04/2008 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: la pennichella può aiutare a vincere le cause
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Milleproroghe: approvate le norme sugli avvocati
» Avvocati: via libera alla rottamazione dei debiti con la Cassa
In evidenza oggi.
Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF